Inflazione, Istat conferma: “a maggio +0,3% su mese e -0,3% su anno”

Carrello spesa +0,5% su mese e -0,6% su anno

inflazione

Nel mese di maggio l’inflazione al lordo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,3% su base mensile e una diminuzione su base annua pari a -0,3% (era -0,5% ad aprile). L‘Istat conferma così la stima preliminare. Il ridimensionamento della flessione su base annua dell’indice generale è principalmente da attribuire all’inversione di tendenza dei prezzi dei tabacchi (+2,0%, da -0,3% del mese precedente) e degli alimentari non lavorati (+0,4%, da -0,5% del mese precedente). La persistenza delle dinamiche deflazionistiche è in gran parte riconducibile ai forti cali dei prezzi dei beni energetici (-8,4% rispetto a maggio 2015), al netto dei quali l’inflazione è pari a +0,5% (era +0,4% ad aprile). Al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici l’inflazione di fondo”” si mantiene positiva, accelerando lievemente (+0,6%, da +0,5% di aprile). L’inflazione acquisita per il 2016 è pari a -0,3% (era -0,5% ad aprile).I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona aumentano dello 0,3% rispetto ad aprile e registrano una variazione nulla su base annua (da -0,2% del mese precedente). I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto aumentano dello 0,5% in termini congiunturali e diminuiscono dello 0,6% in termini tendenziali (era -0,9% il mese precedente).

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email