Istat, Confesercenti: “Vendite in recupero su 2020, ma torna l’incertezza”

“Serve terapia per consolidare ripresa consumi”

L’incertezza torna a farsi sentire sui consumi, nonostante i segnali di ripresa. Le stime Istat sulle vendite di luglio dipingono un quadro in chiaro scuro per il commercio: se da un lato continua il forte recupero di vendite rispetto allo scorso anno – e non poteva essere altrimenti – dall’altro si segnala la frenata rispetto a giugno, da attribuire al permanere dell’incertezza tra famiglie ed imprese.

Così l’Ufficio economico Confesercenti commenta, in una nota, i dati Istat sulle vendite al dettaglio di luglio.

A registrare un certo affaticamento, rispetto al mese precedente, è soprattutto il comparto non alimentare. Ma anche l’alimentare, in questi primi sette mesi dell’anno, ha evidenziato la sofferenza dei piccoli esercizi a fronte di un consolidamento delle vendite nella grande distribuzione (2,1%) i piccoli esercizi, infatti, rilevano un segno negativo pari a quasi il 3%. Anche il commercio elettronico rallenta a luglio, pure registrando comunque nel 2021 una crescita superiore al 20%.

Dopo i segnali positivi di giugno il nuovo rallentamento dimostra che – nonostante il buon andamento turistico della stagione estiva – il recupero dei consumi non si è ancora trasformato in una ripresa strutturale. A pesare, su famiglie ed imprese, le ancora troppe incognite legate all’andamento della situazione sanitaria e agli esiti della campagna vaccinale, che tornano a ridurre le decisioni di spesa. Un indebolimento da evitare, perché inciderebbe sulla crescita di tutto il Paese: i consumi valgono il 60% del Pil e sono certamente il grande malato della nostra economia, che dopo il crollo registrato nel 2020 non ha ancora ricevuto una terapia adeguata. Bisogna ridare fiducia e respiro a famiglie e imprese, a partire dalla leva impositiva: sarà fondamentale pensare in questa direzione anche la prossima riforma del fisco.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email