Le prossime scadenze fiscali

Lunedì 15 e martedì 16 per i commercianti e contribuenti Iva sono giorni di adempimenti

Lunedì 15 è giorno di scadenze fiscali. Lo rende noto lo scadenzario di FiscoOggi, il giornale on line dell’Agenzia delle Entrate, che ricorda come: “i commercianti al minuto e assimilati devono procedere alla registrazione, anche cumulativa, delle operazioni effettuate nel mese di dicembre 2017 per le quali è stato rilasciato lo scontrino o la ricevuta fiscale”.

“Ultimo giorno utile anche per effettuare l’annotazione in un unico documento riepilogativo delle fatture di importo inferiore a 300 euro emesse nel mese di dicembre 2017. Sul documento vanno indicati i numeri delle fatture, l’imponibile complessivo e l’ammontare dell’Iva complessiva distinto per aliquota”.

“I contribuenti Iva devono provvedere all’emissione e alla registrazione delle fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese di dicembre 2017, risultanti da documento di trasporto o da altro documento idoneo a identificare i soggetti contraenti. Le fatture devono contenere la data e il numero dei documenti cui si riferiscono. Per tutte le cessioni effettuate nel mese precedente nei confronti degli stessi soggetti è possibile emettere una sola fattura riepilogativa”.

“Infine i soggetti che corrispondono redditi di pensione di importo non superiore a 18.000 euro annui, compresi gli enti e gli organismi pubblici e le Amministrazioni centrali dello Stato, devono inviare una comunicazione al pensionato dell’accoglimento o meno della richiesta di effettuazione del pagamento rateale del canone Rai”.

Martedì 16, invece, secondo lo scadenzario fiscale: “I contribuenti Iva mensili devono versare l’imposta dovuta per il mese di dicembre 2017 (per quelli che hanno affidato a terzi la tenuta della contabilità si tratta, invece, dell’imposta divenuta esigibile nel mese di novembre) utilizzando il modello F24 con modalità telematiche direttamente (tramite i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’Agenzia delle Entrate, attraverso i canali telematici Fisconline o Entratel oppure ricorrendo, tranne nel caso di modello F24 con utilizzo di crediti in compensazione, ai servizi di internet banking messi a disposizione da banche, Poste italiane e agenti della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate) oppure tramite intermediario abilitato, indicando il codice tributo 6012 (versamento Iva mensile dicembre)”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email