Modena, commercio e turismo, occupazione col segno più: impennata contratti a chiamata pubblici esercizi

Confesercenti, Osservatorio lavoro: dati II° trimestre 2017. +11,5%: ad influire eventi e stagione estiva

Cresce l’occupazione tra le imprese nel commercio e dei servizi. A trainarla il dato dei pubblici esercizi, per il ritorno in forza ai contratti a chiamata, dopo l’abolizione dei voucher. Mentre seppur col segno positivo, l’incremento degli occupati negli altri settori è solo sensibile. In tutti, tranne che per il commercio al minuto dove gli assunti nonostante la tenuta del comparto extralimentare, continuano ad essere in calo. A rilevarlo, è l’Osservatorio di Confesercenti Modena che nel periodo compreso tra l’1 aprile e il 30 giugno 2017, ha monitorato  quasi 1500 piccole, piccolissime e medie imprese modenesi. Il saldo tra assunzioni e licenziamenti, resta positivo ed incrementa: +11,5%. Il lavoro a chiamata resta il format contrattuale più utilizzato anche in virtù degli eventi che hanno caratterizzato capoluogo e territorio – concerto del rocker Vasco Rossi in particolare – prosegue invece il calo dei contratti a tempo indeterminato.

“Un incremento quasi scontato con l’arrivo dell’estate e con l’abolizione dei voucher  – fa notare Confesercenti ModenaL’andamento generale dei consumi al dettaglio, specie per le piccole attività, rimane però in sofferenza con dinamiche di spesa che risultano incostanti e diversificate. E nonostante qualche segnale positivo, permane incertezza tra le famiglie ancora propense più al risparmio che all’acquisto. Intanto, si cerca di capire come utilizzare i nuovi voucher.”

ANDAMENTO NEI PRINCIPALI SETTORI

Pubblici esercizi. Un’impennata di oltre 20 punti percentuali – +21,2% – il saldo tra attivazioni e cessazioni nel II° trimestre del 2017. Dovuta, alla scelta quasi obbligata per le imprese ad utilizzare i contratti a chiamata, part-time, mini o verticali. L’incremento iniziato dalla seconda metà del mese di marzo a seguito del provvedimento che ha bloccato l’utilizzo dei voucher – ha interessato in modo particolare quelle attività consolidate in cui è forte la necessità di avvalersi di collaboratori nel lavoro con una certa continuità – è proseguito con l’arrivo della bella stagione e degli eventi che hanno caratterizzato il territorio specie il capoluogo. E proseguirà, con ogni probabilità, durante la stagione estiva.

Commercio al minuto. Prosegue nella sua fase di sofferenza invece l’occupazione tra le MPMI del commercio al minuto che segnano un calo ulteriore, -1,7% il saldo tra attivazioni e cessazioni nel periodo aprile-giugno 2017, dopo quello in avvio d’anno. Ad incidere, la mancanza di prospettive di ripresa concreta a breve termine oltre a dinamiche di acquisto incostanti e diversificate.

Commercio all’ingrosso. Tiene e cresce, l’occupazione in questo ambito: +2,2% il saldo tra nuovi assunti e licenziati, rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. Continuano a prevalere però, da parecchi trimestri, i contratti a tempo determinato. Sintomo, di come le imprese scelgono una programmazione ancora a breve o al massimo, medio periodo.

“Non poteva che essere vertiginoso l’incremento di occupati soprattutto nei pubblici esercizi, dopo il provvedimento che di fatto ha bloccato l’utilizzo dei voucher e la necessità di avere il personale necessario per far fronte agli eventi che hanno caratterizzato il secondo trimestre dell’anno in città e sul territorio – sostiene Confesercenti ModenaMa questo incremento a doppia cifra è dato, e teniamo a ribadirlo, non da un’effettiva e solida ripresa dei consumi. Solamente, dal ricorso e quindi dal ritorno obbligato da parte di molti operatori, primi fra tutti quelli di bar, ristoranti e locali, a optare per le forme contrattuali precedenti, quali il lavoro a chiamata o i contratti part-time, per far fronte alle necessità estive. Il mercato interno, e quindi anche locale, stenta ad intraprendere la via della ripresa per le MPMI del commercio e del turismo. Ed uscire dalla fase di stagnazione attuale attraverso l’adozione di misure strutturali, stabili e durature volte a creare le condizioni per una vera ripresa della domanda interna, dei consumi, e, di conseguenza, dell’occupazione, resta una priorità. Quanto ai nuovi voucher, la situazione al momento resta interlocutoria e di studio: le imprese stanno cercando di capire in che modo utilizzarli, considerata al momento la troppa burocrazia riguardo il loro impiego”, conclude Confesercenti Modena.

Leggi le altre notizie “Dal Territorio”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email