Nuovo DPCM in vista, le dichiarazioni di Conte in Parlamento

Le comunicazione del premier a Camera e Senato sulle misure per l’emergenza Covid-19

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è intervenuto in Parlamento con le comunicazioni per l’emergenza Covid-19.

In relazione al nuovo DPCM, necessario per arginare i contagi, ha dichiarato che il decreto individuerà tre aree corrispondenti a tre livelli di rischio. L’inserimento di una regione in un’area avverrà con ordinanza del Ministro della Salute e dipenderà esclusivamente dal coefficiente di rischio raggiunto dalla Regione. Sempre con ordinanza del Ministro la Regione potrà passare da una fascia all’altra.

Per l’intero territorio nazionale – ha spiegato il premier – si interverrà con alcune specifiche misure:
– Chiusura nei festivi e prefestivi dei centri commerciali escluse farmacie, edicole, alimentari, tabacchi all’interno dei medesimi centri commerciali;
– Chiusura dei corner per giochi e scommesse ovunque collocati;
– Chiusura musei e mostre;
– Riduzione fino al 50% capienza trasporto pubblico locale;
– Limite agli spostamenti da e verso le Regioni con elevati coefficienti di rischio fatta eccezione per le consuete ragioni di necessità;
– Limiti alla circolazione delle persone nella fascia serale più tarda fatta eccezione per le consuete ragioni di necessità;
– Possibilità di passaggio integrale alla DAD per le scuole secondarie di secondo grado.

Il Governo – ha aggiunto Conte – continuerà a supportare a livello finanziario famiglie e imprese: con questo spirito è stato varato il DL Ristori e la decisione di estendere fino alla fine di marzo del prossimo anno il blocco dei licenziamenti e la gratuità per i datori di lavoro della Cassa Covid. Con Gualtieri e Patuanelli si sta già lavorando per ristorare e sostenere i settori colpiti. Nei mesi a venire il PNRR offrirà una nuova prospettiva di modernizzazione del Paese nel solco dei grandi obiettivi strategici dell’Unione europea.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email