Ocse: la crescita continua a frenare, Pil rallenta a +0,5% nel II trimestre

Le stime dell’organizzazione: Italia al palo, ma va peggio a Germania e Gran Bretagna 

La crescita continua a perdere colpi. Nel secondo trimestre del 2019 il Pil nell’area dell’Ocse rallenta e aumenta dello 0,5%, in leggera flessione rispetto al +0,6% del precedente trimestre. Lo rivelano le stime provvisorie pubblicate oggi dall’Ocse. Tra i paesi del G7 la crescita ha rallentato nettamente nel Regno Unito (-0,2% dal +0,5% del primo trimestre) e in Germania (-0,1% da +0,4%). La crescita del Pil ha decelerato anche negli Usa e in Giappone (+0,5% e +0,4% da rispettivamente +0,8% e +0,7%) e marginalmente in Francia (+0,2% da +0,3%) e in Italia, dove si è registrata nel secondo trimestre una crescita pari allo zero per cento contro il +0,1% dei primi tre mesi del 2019.

Nell’Unione europea il Pil ha rallentato a +0,2% contro il +0,5% del primo trimestre e nella zona euro a +0,2% da +0,4%. Su base annuale, invece, il tasso di crescita del Pil dei paesi dell’Ocse ha leggermente rallentato a +1,6% da +1,7%. Fra le sette maggiori economie, gli Stati Uniti hanno registrato il maggior tasso annuale di crescita (+2,3%) mentre l’Italia ha registrato il tasso più basso con un Pil invariato.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email