Ocse: Pil italiano stabile a +1%, il più basso fra i ‘Big’

Per l’Eurozona previsto un +1,6% nel 2017 e 2018 dopo il +1,7% del 2016

Ocse: Pil italiano stabile a +1%, il più basso fra i 'Big' “La crescita dell’economia italiana dovrebbe restare stabile all’1% annuo nel 2016, 2017 e 2018, con il livello più basso nell’anno in corso fra i maggiori Paesi membri dell’Ocse”. Lo scrive l’organizzazione parigina nel suo ‘Interim Outlook‘, notando che “la crescita dovrebbe rimanere solida in Germania, ma continuerà a passo più lento in FranciaItalia“.

Per l’Eurozona l’Ocse prevede “un +1,6% nel 2017 e 2018 dopo il +1,7% del 2016. La Germania passerebbe da +1,8% nel 2016 e 2017 a +1,7% nel 2018, la Francia da +1,1% dell’anno passato a 1,4%. La crescita globale dovrebbe accelerare un po’, ma rimane troppo lenta”, scrive l’Ocse, notando “rischi in grado di deragliare la ripresa,  fra cui la sconnessione fra i mercati finanziari e l’economia reale, la svolta nel ciclo dei tassi d’interesse e le incertezze sulle politiche economiche e commerciali“.

L’Ocse prevede “un 3% di crescita globale nel 2016, in accelerazione a 3,3 e 3,6% nei due anni successivi. Per gli Usa attende un +1,6, +2,4 e +2,8% rispettivamente, per la Gran Bretagna una frenata da 1,8 a 1,6 e 1%”.

Nell’Eurozona “c’è spazio di manovra per iniziative di bilancio più ambiziose ed efficaci” anche se la crescita continuerà all’attuale tasso moderato “aiutata da una politica monetaria accomodante e da un modesto stimolo fiscale nei prossimi anni. La modesta ripresa globale riflette le iniziative di bilancio attuali e quelle attese, specialmente in Cina e negli Usa, assieme a una posizione più accomodante nell’Eurozona e iniziative in altre economie come in Canada“.

Leggi le Altre notizie

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email