Ocse su Pil Italia: nel 2019 -0,2%

Il taglio più pesante tra Paesi elencati, pesa frenata globale

Doccia fredda dall’Ocse sull’economia italiana. In un aggiornamento di interim delle sue previsioni, l’ente parigino ha pesantemente rivisto in peggio le stime sul Pil della penisola, spingendosi a pronosticare una recessione dello 0,2% sull’insieme del 2019. Si tratta di 1,1 punti di crescita in meno rispetto alle stime contenute nel World Economic Outlook dello scorso novembre, il taglio più pesante tra tutti i Paesi elencati in questo aggiornamento.

Sul 2020 ha ridotto la previsione di crescita della Penisola di 0,4 punti e ora indica un più 0,5% del Pil. Si tratta su entrambi gli anni dei tagli più pesanti tra i Paesi presi in esame, ma non si tratta di casi isolati dato che secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico “la crescita globale continua a perdere slancio”. E questo si ripercuote in maniera più marcata nei Paesi maggiormente votati all’export, tra cui l’Italia.

Sulla crescita globale il taglio è stato di 0,2 punti sul 2019 al più 3,3% e di 0,1 punti sul 2020 al 3,4%. Sull’area euro 0,8 punti in meno sul 2019 al più 1% e 0,4 punti in meno sul 2020 al più 1,2%. Questo, oltre all’Italia, riflette una pesante sforbiciata anche delle stime sulla Germania: 0,9 punti in meno di crescita prevista quest’anno al più 0,7 % e 0,3 punti in meno sul 2020 al più 1,1%.

“Le elevate incertezze sulle politiche, le tensioni commerciali che proseguono e l’ulteriore indebolimento della fiducia di imprese e consumatori, tutto questo – afferma l’Ocse – sta contribuendo al rallentamento”.

Sulla Francia l’Ocse ha ritoccato le previsioni al ribasso di 0,3 punti quest’anno, al più 1,3%, e di 0,2 punti sul 2020 al più 1,3%. Sugli Stati Uniti l’attesa di crescita 2019 è stata limata di 0,1 punti, al più 2,6%, mentre la previsione 2020 è stata alzata di 0,1 punti al più 2,2%. Anche sulla Cina la stima di crescita 2019 è stata ritoccata al ribasso di 0,1 punti, al più 6,2 %, mentre la previsione 2020 è rimasta invariata al più 6%.

Al di là delle economie avanzate, la previsione più negativa e il taglio in assoluto più pesante riguarda la Turchia, su cui l’Ocse pronostica una recessione dell’1,8 % quest’anno con una dinamica di 1,4 punti percentuali peggiore rispetto alle previsioni di novembre. Sul 2020 però è atteso un rimbalzo con il 3,2 % di crescita.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email