Istat: a maggio accelera l’economia italiana. Trainano consumi e servizi, ma gli investimenti restano al palo

In peggioramento le aspettative degli imprenditori sull’occupazione nei prossimi tre mesi

A maggio l’economia italiana accelera, trainata dai consumi e dalla crescita dei settori dei servizi.  E’ la fotografia scattata dall’Istat nella Nota mensile sull’andamento dell’economia italiana.

“Il mercato del lavoro – spiega l’Istituto – migliora segnando un aumento degli occupati e una significativa diminuzione della disoccupazione. I prezzi risultano in decelerazione. L’indicatore anticipatore mantiene una intonazione positiva”.  Ma industria e investimenti non vanno bene, e le aspettative sono abbastanza negative.  “Dal lato della domanda – scrive Istat nella nota – alla crescita congiunturale dei consumi finali nazionali (+0,5%) è corrisposta una riduzione degli investimenti fissi lordi (-0,8%), che hanno interrotto la fase positiva iniziata nel terzo trimestre 2014. Il rallentamento degli investimenti è stato determinato da diminuzioni della spesa per macchine, attrezzature e altri prodotti (-2,2%) e per mezzi di trasporto (-0,8%), mentre gli investimenti in costruzioni sono cresciuti (+0,6%, Figura 3). Il valore aggiunto dell’industria in senso stretto è diminuito nei primi tre mesi dell’anno (-0,5%), segnando una pausa dopo l’andamento vivace dei due trimestri precedenti (+0,9% per entrambi i trimestri, Figura 4). Per quanto riguarda le prospettive, nello stesso periodo, gli ordinativi misurati in valore sono aumentati (+1,5% rispetto al trimestre precedente), caratterizzati dall’andamento favorevole dei mercati esteri (+6,1%)”.

Sul fronte dell’inflazione le attese degli operatori rimangono invece “moderate anche a maggio, con indicazioni di aumento dei listini nel breve periodo da parte dei produttori di beni di consumo solo di poco superiori a quelle di diminuzione. Nel primo trimestre del 2017, i consumi finali nazionali hanno mostrato una accelerazione (+0,5%) sostenuta dall’aumento sia della spesa delle famiglie residenti sia della spesa delle amministrazioni pubbliche (rispettivamente +0,6% e +0,5%). Tra le componenti della spesa delle famiglie prosegue la crescita sostenuta dei beni durevoli (+1,8%) mentre si consolidano i consumi di servizi (+0,4%)”.

A maggio, sia l’indice del clima di fiducia dei consumatori, sia quello delle imprese hanno segnato un peggioramento. Per quanto riguarda i consumatori, tutte le componenti hanno registrato un calo, seppur con intensità diverse. Per il secondo mese consecutivo sono aumentate anche le attese di disoccupazione. Il clima di fiducia delle imprese è diminuito nella manifattura (con un peggioramento sia dei giudizi sugli ordini sia delle attese sulla produzione) e nei servizi; nelle costruzioni è rimasto sostanzialmente stabile e nel commercio al dettaglio ha evidenziato un miglioramento. L’indicatore anticipatore mantiene un’intonazione positiva.

Un calo di fiducia che non manca di avere riflessi anche sul piano lavorativo. Nonostante i dati positivi di aprile, infatti, le aspettative formulate dagli imprenditori a maggio sulle tendenze dell’occupazione per i tre mesi successivi risultano in complessivo peggioramento e al di sotto dei valori di lungo periodo in quasi tutti i settori,  indica l’Istat, sottolineando che “soltanto nel comparto delle costruzioni le previsioni sono in miglioramento, ma il saldo resta negativo. Le attese di disoccupazione sono aumentate per il secondo mese consecutivo”.

Leggi le altre notizie in Primo Piano 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email