Pil, Renzi: “Escludo manovra correttiva”

Taglio Irpef per incapienti, partite Iva e pensionati nel 2015

“Escludo una manovra correttiva, di solito le manovre si fanno per mettere nuove tasse ed invece noi dando 80 euro a 10 milioni di italiani facciamo ridistribuzione con una misura che anche alla luce dei dati Pil è anticiclica”. Così il premier Matteo Renzi a Radio24 dopo i dati negativi sul primo trimestre del Pil.
“Mi dispiace – sostiene il presidente del Consiglio – che non siamo riusciti a mettere nel decreto Irpef anche incapienti, partite iva e pensionati. Riusciremo a farlo con la legge di stabilità, nel settembre-ottobre 2014 per il 2015”.
“Io – ha sottolineato – resto ottimista e non è un ottimismo stupido ma che fa i conti con la realtà: noi non diciamo che la crisi sia finita ma i segnali di ripresa sono importanti”. Per Renzi poi i dati del Pil “sono sostanzialmente uguali a quelli della Francia ma dobbiamo accelerare sulle cose necessarie per il rilancio”.  “I dati del Pil – ha concluso – indicano che Paesi come la Spagna che hanno fatto una riforma del lavoro che adesso stiamo facendo noi, sono avanti”.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email