Pista ciclabile su via Emilia Est: Rete Imprese Modena con gli operatori

“Meno parcheggi, difficoltà di accesso ai negozi, rischio congestione del traffico: il progetto va rivisto”

In proposito i commercianti hanno lanciato anche una raccolta di firme. Tra le proposte avanzate dalle Associazioni, c’è quella di rendere ciclopedonale il lato sud piuttosto che quello opposto del tratto compreso tra l’incrocio di via Menotti e Del Pozzo

“La pista ciclabile di via Emilia, per come è stata progettata, avrebbe conseguenze devastanti sulla rete commerciale. In un’area molto trafficata, densamente abitata e già presa d’assalto dalle auto a causa dell’estensione a via Ciro Menotti della sosta a pagamento, la sottrazione della maggior parte dei posti auto, nonché il fatto di mettere a pagamento quelli rimanenti, renderebbero sostanzialmente inaccessibili le attività commerciali presenti in zona”. Questo quanto sostenuto da Rete Imprese Italia Modena – a cui aderiscono Confesercenti, Ascom-Confcommercio, Lapam-Licom e CNA – rispetto al progetto di realizzazione di una pista ciclopedonale lungo via Emilia est, nel tratto compreso tra l’incrocio di Via Ciro Menotti e quello con via Del Pozzo. “Non siamo solo noi a dirlo, ma gli stessi operatori che qui lavorano e che non hanno esitato a mobilitarsi e promuovere una raccolta di firme volta a sollecitare l’Amministrazione comunale affinché riveda un progetto che non prevede alcuna compensazione delle aree di sosta sottratte”.

Presentata negli scorsi giorni agli operatori commerciali ed alle Associazioni imprenditoriali, la riqualificazione prevede, oltre all’intervento ciclabile sul lato nord e alla risistemazione pedonale, anche lavori di pedonalizzazione su quello opposto, con conseguente restringimento della carreggiata. “Risulta quanto meno singolare – affermano Mauro Salvatori, Massimo Malpighi, Silvia Manicardi e Nicola Fabbri che l’Amministrazione non abbia tenuto conto, o lo abbia fatto solo marginalmente, della situazione esistente. Ed in ragione di ciò abbiamo chiesto una profonda revisione del progetto, tale da limitare al massimo ogni impatto negativo sugli esercizi presenti, analogamente a quanto è stato prospettato per la ciclabile di via Giardini”.

“Non nascondiamo dunque – proseguono i quattro presidenti – la forte preoccupazione e le perplessità verso un piano che mostra di non tenere conto a sufficienza della consolidata presenza di bar, negozi, attività economiche, già costrette a fare i conti con la crisi e che potrebbero entrare in ulteriore forte sofferenza”.

“Crediamo poi che sia un errore – precisano i rappresentanti di Rete Imprese Modena – introdurre la sosta a pagamento e riteniamo invece che il disco orario sia scelta da preferire perché garantisce la necessaria turnazione; nello stesso tempo pensiamo che il piano dovrebbe essere l’occasione per individuare nuove aree da destinare a sosta, così da alleggerire la pressione delle auto sulla zona”.

“Infine – conclude Rete Imprese Modena – qualora il progetto dovesse non essere rivisto sostanzialmente, sarebbe opportuno che la pista ciclabile venisse collocata sul lato sud, vista la minore presenza di attività commerciali e il conseguente minore impatto sulle attività”. 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email