Presidenza Fipac, Vivoli: “Paese in difficoltà, serve governo che ci ascolti”

“Il Paese sta attraversando una fase estremamente difficile. La crisi economica e le incertezze politiche continuano a produrre effetti negativi su imprese e cittadini e, tra questi ultimi, soprattutto sugli anziani ed i pensionati che sempre più faticano ad arrivare a fine mese”.

E’ questo il grido d’allarme lanciato oggi da Massimo Vivoli, vice presidente vicario della Confesercenti e presidente della Fipac, in occasione della presidenza dell’organizzazione dei pensionati della confederazione.

“L’auspicio è che al più presto si formi un Governo in grado di ascoltarci e di intervenire per mettere in campo le misure necessarie a recuperare il potere d’acquisto, tagliare gli sprechi nella sanità senza però privare le fasce più deboli dell’assistenza necessaria, alleggerire la pressione fiscale sulle famiglie. Esiste – ha sottolineato Vivoli – una povertà incombente che anno dopo anno aumenta, travolgendo sempre più persone già in difficoltà, non solo per la condizione economica, ma anche e soprattutto per le difficoltà legate alle condizioni fisiche e sociali”.

“Per questo – ha concluso il presidente della Fipac – siamo decisi a non abbassare la guardia ed a premere affinché non ci si dimentichi di una parte così importante del Paese: parlo dei milioni di anziani che, dopo una vita di lavoro,  meritano condizioni di vita più decorose”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email