Qualità della vita, Confesercenti su indagine del Sole 24 Ore: “Modena arretra: occorre deciso cambio di marcia”

11 posizioni in meno rispetto al 2014. Diverse sofferenze note da tempo tra cui emerge la sicurezza. Anche sul sostegno all’imprenditorialità serve fare di più

 

“Dovremmo guardare a Modena e al suo territorio come realtà in declino? Vorremmo non fosse così, anche se la fotografia scattata dal Sole 24 Ore rispetto la ‘Qualità della vita’ per l’anno 2015 è abbastanza eloquente: 11 posizioni in meno rispetto al 2014.” Parte da qui la riflessione di Confesercenti Modena con riferimento a quanto pubblicato oggi dal noto quotidiano economico finanziario italiano. “Si tratta di dati – prosegue l’Associazione imprenditoriale – da valutare con attenzione ed analizzare in profondità. Va da se, tuttavia che alcune posizioni occupate dalla nostra realtà riflettono nel dettaglio situazioni note da tempo, che richiederebbero un deciso cambio di marcia.”
Il primo ambito su cui sposta l’attenzione Confesercenti è quello dell’ordine pubblico. “La 70esima posizione occupata dalla città dovrebbe suonare come un campanello d’allarme. Scippi, borseggi, furti in appartamento, rapine e frodi mostrano un segno più decisamente preoccupante. Ma attenzione però: in discussione non è il lavoro delle forze dell’ordine sulla cui serietà ed abnegazione non si può puntualizzare alcunché. Piuttosto, rispetto le ‘politiche della sicurezza’ che chiamano in causa anche il Governo e che ci paiono francamente poco adeguate per una città economicamente molto sviluppata e quindi appetibile sia alla criminalità organizzata che alla micro-criminalità. Lo sosteniamo da anni: gli organici vanno rafforzati, mentre andrebbe sviluppata ‘un‘attività di intelligence’ in grado di analizzare il territorio dal punto di vista della sua ‘complessità criminale’. E’ evidente poi che la politica della sicurezza non può essere scollegata dall’attività degli organi giudiziari, sulla cui adeguatezza volta a fronteggiare le nuove sfide soprattutto in termini di organici, riteniamo sia il momento per una riflessione concreta. A cominciare dalla necessità di aprire una sezione distaccata a Modena della Procura distrettuale antimafia di Bologna.”

“Segnali di miglioramento traspaiono poi alle voci affari e lavoro – aggiunge l’Associazione – Anche se occorre fare di più rispetto allo spirito di iniziativa, propensione ad investire e giovani imprenditori considerata la forte vocazione imprenditoriale del territorio. Riteniamo che il tavolo per la crescita voluto dal Sindaco di Modena, nonché Presidente della Provincia Giancarlo Muzzarelli sia stata un’iniziativa positiva. Ha avuto il merito di rendere partecipe il mondo imprenditoriale sulla necessità di fare squadra. Sottolineiamo però che se la via è tracciata occorre affinarla e renderla ancor più concreta nelle proposte, visto che gli obiettivi continuano essere crescita e rilancio del territorio. Che passano, è noto, anche e soprattutto attraverso il sostegno all’imprenditorialità.”

Non proprio positiva la situazione su serviziambiente e salute e tempo libero – continua Confesercenti – voci che meglio di altre rendono esplicita la qualità della vita delle nostre città. Entrambe segnalano un arretramento di posizioni rispetto al 2014 per Modena, frenato nel primo caso dalla buona performance relativa agli asili nido, modello ancora all’avanguardia nel Paese, e nel secondo dall’indice elevato di sportività. Ma ad esempio su ristorazione e presenze agli spettacoli Modena risulta decisamente sottotono. Infine la voce popolazione, quella che meglio esprime lo stato di salute di territorio e cittadini. Diverse le sofferenze riscontrate, verso cui occorrerebbe riflettere perché investono la nostra organizzazione sociale: il saldo demografico negativo legato prevalentemente al progressivo invecchiamento della popolazione con tutto ciò che comporta sul versante della tenuta, anche economica, del nostro sistema di welfare e un numero medio di anni di studio che non ci colloca al meglio in regione”, conclude Confesercenti.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email