fbpx

Rapporto Unioncamere 2013, De Luise (Impresa Donna Confesercenti): “188mila imprese di giovani donne confermano ruolo chiave dell’imprenditoria femminile per la crescita del Paese”

“L’imprenditoria femminile è una risorsa chiave per l’Italia, un volano per la crescita economica e culturale del nostro Paese. I dati di Unioncamere, che segnalano 188mila imprese di donne under 35, lo dimostrano: le donne, anche le più giovani, sono caratterizzate da grande pragmatismo. E in un momento difficile per l’occupazione non hanno paura di mettersi alla prova, percorrendo la via dell’impresa”.

Così Patrizia De Luise, Presidente di CNIF-Impresa Donna Confesercenti, il coordinamento nazionale dell’imprenditoria femminile della Confederazione, commenta il Rapporto di Unioncamere sull’economia reale. Per la prima volta il Rapporto presenta un focus sui “Giovani, imprese e lavoro”, dal quale emerge, tra tanti altri aspetti rilevanti, che all’interno dell’universo delle imprese degli under 35, quelle a conduzione femminile appaiono particolarmente diffuse, rappresentando il 27,8% del totale. Pari a circa 188mila unità, le imprese di giovani donne incidono per il 12,8% sul totale delle aziende “rosa” e risultano particolarmente diffuse nel Mezzogiorno, dove sono quasi 81mila.

“Sono dati – dice De Luise – che rendono particolarmente evidente la reattività e capacità di risposta di questa componente della società, spesso penalizzata sul mercato del lavoro”. Secondo il rapporto, la ‘voglia di fare impresa’ delle giovani donne infatti non si è fermata, malgrado la crisi: tra il 2011 e il 2012, a fronte di un modesto incremento, misurato dal tasso di evoluzione (al netto delle cessazioni di ufficio) dello 0,2% del totale delle imprese femminili, quelle a conduzione giovanile sono aumentate del 10,7%, grazie ad un saldo tra iscrizioni e cessazioni di +20mila unità. “Anche nei giovani – conclude De Luise –  si conferma il trend di maggior apertura delle imprese da parte delle imprenditrici. Per questo, Confesercenti è impegnata in prima linea per sostenere l’imprenditoria femminile, fornendo loro importanti strumenti di tutoraggio e formazione. In particolare, il Coordinamento Nazionale per l’imprenditoria femminile fornisce un sostegno mirato alle donne, fornendo loro servizi che spaziano dallo start up di impresa fino all’accesso al credito”.

Condividi