Renzi: ‘Cambiamo direzione o perdiamo l’Europa’

Fase passaggio delicata e sensibile, Ue al bivio

UE

“Bisogna vivere la fase che si è aperta come occasione unica: o cambiamo la direzione dell’Europa o abbiamo perduto l’Europa”. Lo ha detto il premier Matteo Renzi intervenendo alla Camera sul prossimo Vertice Ue spiegando che “siamo in una fase di passaggio straordinariamente delicata e sensibile: l’Europa è al bivio. Nel dibattito europeo c’è chi ritiene si sia fatto molto e chi niente, ma tutti sono convinti che oggi l’Ue ha fatto una scelta politica, forse non sufficiente e questo dipenderà da Juncker. La politica deve fare il suo mestiere e non lasciare l’Europa ai tecnocrati”. “La previsione dello scorporo degli investimenti giudicati favorevoli dal Patto – ha detto Renzi –  è un primo passo ma non sufficiente: “il passaggio logico successivo è consentire lo scorporo dei grandi investimenti in opere pubbliche, anche con verifica Ue. Continuerò nel Pse, che ha ancora una timidezza incomprensibile, e nel consiglio Ue a combattere perché gli investimenti per ridurre la bolletta energetica, quelli per la banda larga, per l’edilizia scolastica o per le periferie possano essere esclusi dal patto di stabilità”.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email