Rete Imprese Italia: “E’ il momento di integrare tutti i sistemi di trasporto pubblico locale”

“E’ arrivato il momento di integrare tutti i sistemi di trasporto pubblico locale. Va fermata la parcellizzazione che oggi genera un notevole dispendio di risorse finanziarie e, soprattutto, non consente agli utenti, cioè ai cittadini, di scegliere il sistema più comodo, più conveniente e più economico per spostarsi sul territorio”. Lo ha dichiarato Ivan Malavasi, Presidente di Rete Imprese Italia, nel corso dell’audizione che si è svolta oggi presso la IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera nell’ambito dell’indagine conoscitiva sul trasporto pubblico locale.

A questo scopo – ha proseguito Malavasi – deve essere sicuramente valorizzato il trasporto pubblico non di linea che, sia pure nel vuoto normativo, si è dimostrato un successo per alcune ben determinate categorie di utenza: trasporti scolastici, trasporti sanitari, trasporti di soggetti diversamente abili.

Per Rete Imprese Italia occorre una strategia di intervento sulla mobilità urbana, in grado di inserire le azioni di Regioni ed Enti locali all’interno di un quadro organico comune, finalizzato ad accrescere l’accessibilità dei centri abitati a persone e merci.

Obiettivi prioritari di questa strategia nazionale sono:

–        Il potenziamento e la riforma dei servizi di trasporto pubblico locale;

–        Il rilancio degli strumenti di pianificazione del sistema della mobilità integrati con quelli generali di governo del territorio;

–        La valorizzazione del ruolo del sistema dei parcheggi e della sosta;

–        Il sostegno all’efficacia e all’efficienza della distribuzione urbana delle merci.

L’intervento normativo e finanziario, ha sottolineato il Presidente di Rete Imprese Italia, va rapidamente attuato. Il nostro Paese non brilla né sul versante dell’offerta né su quello della domanda, rispetto alla media europea.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email