Ristorazione: Fiepet Confesercenti, per bonus filiera serve più tempo, procedura d’accesso laboriosa

Banchieri: “Chiediamo che il termine ultimo per la presentazione delle domande venga spostato di almeno 15 giorni”

“Alle imprese serve più tempo per accedere al bonus filiera: il termine di scadenza per la presentazione delle domande, attualmente fissato al prossimo 28, è troppo vicino. Molte attività non riusciranno ad accedere”.

Così Giancarlo Banchieri, Presidente di Fiepet Confesercenti, sul bonus filiera ‘Made in Italy’, il contributo a fondo perduto da spendere per prodotti di filiere agricole ed alimentari del territorio riservata ai ristoratori che abbiano registrato da marzo a giugno 2020 un fatturato medio inferiore di almeno il 25% rispetto a quello dello stesso periodo del 2019.

“L’impostazione dell’istruttoria per accedere alla misura è macchinosa, e sta mettendo in difficoltà non solo le imprese ma anche i commercialisti. Ad essere particolarmente laborioso è soprattutto il processo di analisi delle forniture, che prevede il monitoraggio di tutte le fatture e i documenti di trasporto per individuare le spese che corrispondono ai requisiti tecnici previsti. Un lungo lavoro, difficile da ultimare in pochi giorni: per questo chiediamo che il termine ultimo per la presentazione delle domande venga spostato di almeno 15 giorni”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email