Saldi, Confesercenti-SWG: “Avvio freddo: nei primi 15 giorni ha partecipato 1 italiano su 3, il 38% lo farà poi. Spesa media di 105,5 euro”

Manzoni (Fismo-Confesercenti): “Ancora possibili buoni affari: magazzini pieni, sconti del 50% in un negozio su quattro. Imprenditori stanno pensando a sconti speciali per stimolare gli acquisti infrasettimanali e riportare i clienti nei centri storici”

saldi3L’avvio dell’estate, insolitamente freddo, condiziona l’affluenza ai saldi estivi 2014. Che fino ad ora hanno mostrato un andamento più lento rispetto alle edizioni precedenti: il 67% degli italiani ha detto di voler partecipare alle vendite di fine stagione di quest’anno, ma solo il 29% lo ha già fatto nelle prime due settimane, mentre il 38% ha detto di voler sfruttare l’occasione nei prossimi giorni. E i commercianti sperano in una ripresa, aiutati dallo ristabilirsi delle condizioni meteo. E’ quanto emerge dall’indagine condotta da Confesercenti con SWG sui consumatori e commercianti in occasione dei saldi estivi 2014.

Il 52% di chi ha acquistato ha dichiarato di aver speso come o di più dello scorso anno, mentre il restante 48% ha ridotto la spesa. In particolare, la maggior parte dei consumatori sembra essersi orientata su acquisti di fascia ‘media’: il 67% ha evidenziato di aver investito in accessori tra i 50 e i 200 euro, per una spesa media di 105,5 euro. Ma appaiono in crescita gli acquisti low-cost: quasi 1 italiano su 4, per ora, ha infatti investito circa 50 euro nei saldi. La maggior parte dei consumatori ha effettuato la maggior parte degli acquisti nei weekend: il 34% nel primo fine settimana, il 36% nel secondo, mentre solo il 30% ha acquistato negli altri giorni.

“Dall’indagine – spiega Roberto Manzoni, presidente di Fismo Confesercenti – emerge che i negozi hanno ancora un’ampia gamma di offerta disponibile, con un buon assortimento, che garantisce la possibilità per i consumatori di fare buoni affari. La partenza dei saldi è stata finora deludente: gli italiani appaiono ancora prudenti, e l’avvio dell’estate, segnato dal maltempo, ha frenato la voglia di rinnovare il guardaroba. La speranza è che, con l’arrivo del caldo, da questo weekend si possa finalmente iniziare a recuperare. I commercianti si stanno attrezzando: uno su quattro offrirà sconti del 50%, e alcuni imprenditori stanno pensando a sconti speciali per stimolare gli acquisti infrasettimanali e riportare i clienti nei centri urbani. Ma il 56% degli operatori attende dalla politica un intervento per il rilancio dei consumi. E’ infatti prioritario spezzare l’attuale circolo vizioso: i clienti non hanno risorse, ed aumentano gli operatori del commercio in sofferenza, soprattutto tra i negozi dei centri urbani. Il risultato è il rischio concreto di vedere accelerare l’emorragia di negozi moda, con la conseguente perdita del saper fare italiano che da sempre contraddistingue la moda Made in Italy”.

Roma, 19 luglio 2014

Sabato 4 luglio hanno avuto inizio i saldi estivi 2014, che dureranno fino alla fine di agosto. Fino ad oggi, lei ha sfruttato l’occasione per fare acquisti? (Rispondenti: consumatori)

29

non ancora, ma ho intenzione di farlo

38

no

33

(valori%)

 

Ha fatto la maggior parte dei  suoi acquisti … (Rispondenti: consumatori)

Nel primo weekend di saldi (sabato e domenica 4-5 luglio)

34

Nel secondo weekend di saldi (sabato e domenica 12-13 luglio)

36

Negli altri giorni della settimana

30

(valori%)

 

Quale sconto sta praticando? (Rispondenti: commercianti)

fino al 30%

33

fino al 40%

16

fino al 50%

24

non risponde

27

(valori%)

 

Cosa si aspetta dalla politica? (Rispondenti: commercianti)

Interventi per il rilancio dei consumi

56

Azioni di tutela del made in Italy e dell’ abbigliamento italiano

16

Un passo indietro sulle liberalizzazioni degli orari e delle aperture delle attività commerciali

13

Nulla

15

(valori%)

 

NOTA INFORMATIVA AI SENSI DELL’ART. 2 DELLA DELIBERA N. 153/02/CSP DELL’AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

Titolo del sondaggio: i saldi estivi

Tema del sondaggio: società

Soggetto realizzatore: SWG Spa-Trieste

Committente e acquirente: Confesercenti

Data di esecuzione:  15-17 luglio 2014

Metodologia di rilevazione: sondaggio online CAWI su un campione casuale probabilistico stratificato e di tipo panel ruotato di 300 commercianti  (su 1020 contatti complessivi), di età superiore ai 18 anni. Il campione intervistato online è estratto dal panel proprietario SWG. Tutti i parametri sono uniformati ai più recenti dati forniti dall’ISTAT. I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di sesso, età e macro area di residenza.

Margine d’errore massimo: ±  3,2%

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email