Saldi estivi 2013,il prossimo weekend al via in tutta Italia. Fismo-Confesercenti: “Crisi e brutto tempo rallentano le vendite primaverili, adesso sconti iniziali fino al 50%: grandi occasioni per clienti e commercianti”

 Scontrino medio in calo (-10%). Da gennaio a maggio chiusi 41 negozi al giorno, nel 2013 perderemo altri 3 miliardi di euro di vendite. A rischio comparto da oltre 66 miliardi”

I prossimi saldi estivi, in partenza in tutta Italia il 6 luglio, saranno un’occasione per clienti e commercianti. “La crisi dei consumi e la situazione climatica incerta – spiega il presidente di Fismo-Confesercenti Roberto Manzoni – hanno rallentato le vendite primaverili. Per questo i prossimi saldi estivi saranno una duplice occasione: per i clienti, che potranno usufruire di sconti iniziali eccezionali, fino al 50%, e per i commercianti, che avranno invece la possibilità di esaurire le giacenze accumulate in un anno eccezionalmente difficile. Il 2013 ha registrato un continuo calo delle vendite dell’abbigliamento, diminuite nei primi quattro mesi del 4,6% sullo stesso periodo del 2012. Alla riduzione dei consumi è corrisposta una significativa emorragia di imprese:  il settore ha visto un saldo negativo di oltre 4.000 negozi, spariti senza essere sostituiti. Il nostro auspicio è che i saldi possano sancire l’inizio di un’inversione di tendenza: cambiare guardaroba per cambiare il destino del settore moda italiano, che vale circa 66,5 miliardi di euro”.

 

Saldi 2013, le previsioni Fismo: sconti di partenza fino al 50%, atteso scontrino medio da 165 euro

Secondo le rilevazioni condotte da Fismo sui suoi associati, gli sconti inziali praticati dagli esercenti dell’abbigliamento in questi saldi estivi saranno più alti del solito: sarà molto comune vedere ribassi del 50% fin dal primo giorno, mentre lo sconto minimo non dovrebbe scendere sotto quota 30%. Secondo le stime dell’associazione di imprese della moda, lo scontrino medio dovrebbe attestarsi sui 165 euro, in flessione (-10% circa) sul valore di 184 euro registrato nell’estate 2012. Tra i capi che si prevede godranno maggiormente del favore degli acquirenti i capispalla, vestiti di alta qualità e calzature – trainati dagli sconti garantiti dai saldi – e gli accessori. I saldi inizieranno il primo weekend di Luglio. La tabella con le date per ogni Regione è disponibile sul sito www.fismo.it

 

Tab.1 – Scontrino medio

Estate   2007 Estate   2012 Estate   2013*
220 euro 184 euro 165 euro

*Rilevazioni FIsmo-Confesercenti su imprese associate.

**Stime Fismo-Confesercenti

 

Primavera fredda: la sospensione IMU non rilancia i consumi, il maltempo rallenta gli acquisti

Quest’anno i saldi arrivano dopo una primavera difficile. Secondo le stime dei commercianti Fismo, tra marzo e maggio le vendite di abbigliamento, tessile, calzature e accessori si sono ridotte tra il 10% e il 20%. E anche nella prima metà di giugno i consumi hanno languito: la sperata ripresa degli acquisti a seguito della sospensione IMU non si è realizzata. “L’incertezza fiscale pesa moltissimo”, spiega Manzoni. “Soprattutto per quanto riguarda i capi d’abbigliamento più importanti, i clienti hanno mostrato una certa tendenza a rimandare l’acquisto, nel timore che in autunno tutte le imposte sospese possano ripresentarsi, magari maggiorate. In una situazione come quella attuale, in cui il reddito a disposizione si è notevolmente ridotto, la spesa per la moda – un tempo caratteristica del nostro Paese – è in costante declino”.

 

2013, anno difficile: vendite giù, a fine anno prevista flessione del -5%, altri 3 miliardi in meno di consumi

Nonostante l’abbigliamento ‘Made in Italy’ continui ad essere una delle eccellenze del nostro Paese, la diminuzione del reddito globale delle famiglie italiane continua a ridurre la spesa dedicata alla moda. Nel 2012 le
vendite nel commercio al dettaglio di capi di abbigliamento si sono ridotte del  -3.3%,  quelle di calzature del -2.9%. I primi 4 mesi dell’anno 2013 sono andati peggio: l’abbigliamento ha registrato una flessione del 4.6% rispetto al primo quadrimestre del 2012, mentre le vendite di calzature sono diminuite del 4.3%. Ricordiamo che, nel periodo preso in esame, l’inflazione del comparto dell’abbigliamento e calzature è stata praticamente nulla. Fismo Confesercenti prevede per l’anno in corso un aggravarsi della situazione, con un calo del 5% sul 2012, pari a quasi 3 miliardi di euro in meno. Alla fine del 2013, la spesa delle famiglie in abbigliamento sarà scesa di 10 miliardi rispetto al 2011: il calo più consistente di sempre. La quota di spesa dedicata al vestiario si è attestata nel 2012 al 7,1%: quasi la metà del 13,6% registrato nel 1992, e che ci poneva – assieme al Giappone – al vertice della classifica mondiale. La spesa delle famiglie per la moda si è erosa costantemente negli ultimi anni, sebbene mai a ritmi veloci come quello attuale: tra il 2000 e il 2011 si sono persi ‘solo’ 6 miliardi di euro. Ma il crollo avvenuto negli ultimi due anni mette a nudo il peso della crisi economica nella scelta degli italiani di avere meno vestiti: in periodi di difficoltà, infatti, si rinuncia spesso ad acquistare un nuovo capo d’abbigliamento, facendo affidamento sul vecchio guardaroba.

 

Tabella 2. Spesa abbigliamento Italia (milioni di euro)

  2000 2011 2012 2013*
Spesa totale 72.800 66.500 59.700 56.750

*Stime Osservatorio Confesercenti

 

La crisi dei negozi moda: chiudono 41 negozi al giorno, a maggio saldo negativo di oltre 4mila unità

Le rilevazioni di maggio dell’Osservatorio Confesercenti registrano un ulteriore aumento delle chiusure di imprese nel settore abbigliamento, tessile, calzature ed accessori. Su tutto il territorio nazionale, nei primi cinque mesi del 2013 hanno aperto solo 1.901 nuove attività, contro 6.223 chiusure: più di 41 negozi al giorno. Il saldo finale, al 31 maggio, è prevedibilmente negativo: spariscono, senza essere sostituiti, 4.322 esercizi. Si tratta del peggior risultato tra i vari comparti economici della distribuzione commerciale, pari a una flessione del 1,8% dall’inizio dell’anno e del 2,7% da maggio 2012. La causa principale delle difficoltà del settore è chiaramente ascrivibile alla riduzione della spesa degli italiani; ma sulle imprese pesano anche la pressione fiscale molto alta e il caro-affitti. Si sconta altresì un eccesso di concorrenza: da un lato, dell’industria della contraffazione moda, che fa perdere al settore 12 miliardi l’anno; dall’altro, quella dei siti di “saldi privati” online e dei Factory Outlet, che sostanzialmente praticano promozioni per tutto la durata dell’anno. E che stanno erodendo, grazie alla concorrenzialità del principio anti-economico del ‘sotto-costo’, quote ai restanti canali di distribuzione. Nel 2012 attraverso l’eCommerce e i Factory Outlet, combinati, è passata una spesa di 1,6 miliardi. Tra le regioni, a registrare il rosso peggiore di imprese, in termini assoluti, è la Campania, dove il saldo è negativo per 626 unità. Ma se consideriamo le flessioni in rapporto al numero di imprese registrate al primo di gennaio, il primato negativo va al Piemonte, dove le aziende della distribuzione  moda sono diminuite del 2,9%. Rispetto a Maggio 2012, invece, la flessione maggiore (-4,2%) si rileva in Basilicata.

 

Tabella 3 – Saldi apertura/chiusura imprese moda per le regioni italiane

    Variazione percentuale imprese registrate
Regione Gennaio-Maggio 2013 Dall’inizio dell’anno Negli ultimi dodici mesi
Piemonte – 308 -2,9 -3,6
Valle d’Aosta – 1 -2,0 -3,8
Lombardia – 458 -2,3 -3,2
Trentino Alto Adige – 34 -0,2 -1,5
Veneto – 255 -1,5 -2,9
Fiuli-Venezia Giulia – 55 -1,7 -3,3
Liguria – 152 -2,4 -3,6
Emilia-Romagna – 281 -1,2 -2,6
Toscana – 293 -1,3 -1,8
Umbria – 46 -1,1 -1,6
Marche – 110 -1,7 -2,6
Lazio – 429 -1,6 -2,4
Abruzzo – 118 -2,3 -3,4
Molise – 23 -2,2 -3,7
Campania – 626 -1,7 -1,2
Puglia -367 -2,1 -3,4
Basilicata – 60 -2,6 -4,2
Calabria – 164 -2,0 -2,9
Sardegna – 115 -2,1 -2,9
Sicilia – 427 -1,8 -3,1
Totale Italia -4.322 -1,8 -2,7

*Stime Osservatorio Confesercenti

 

A rischio settore da 66,5 miliardi: tra 2011 e 2012 perso l’8,7%

In pericolo non c’è solo un simbolo culturale dell’Italia, ma anche un’industria di grande valore economico. Considerando, oltre agli esercizi di distribuzione, anche la produzione moda che viene prodotta in Italia e venduta nel paese attraverso i negozi tradizionali, il settore nel 2012 valeva 66,5 miliardi: 54,5 miliardi per quanto riguarda l’abbigliamento, 12 per calzature e accessori. Un dato in calo dell’8,7% rispetto ai 72,3 miliardi registrati nel 2011 e ascrivibili per 58,8 miliardi all’abbigliamento e per il 13,5 alle calzature.

 

Tabella 4 – Valore settore moda 2011-2012

2011 2012 Var. (%) 2011-2012
Abbigliamento 58,8 54,5 – 7,8%
Calzature, accessori   etc… 13,5 12 – 12,5%
Totale 72,3 66,5 – 8,7%
Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email