Scuola, Rete Imprese Italia: “il Ddl di riforma può dare slancio all’istruzione”

L’audizione presso le commissioni Cultura riunite della Camera e del Senato: “definire  un ruolo per le imprese”

rete_imprese

“Il disegno di legge che riforma la scuola e la formazione pone le basi per ridare finalmente slancio all’istruzione in Italia. L’istruzione è uno dei fattori chiavi per la coesione sociale nel nostro Paese e per il rilancio della sua competitività. Nel contempo, rappresenta una risposta concreta alla domanda di nuove competenze espresse dai mutati contesti sociali, economici e produttivi”. E’ il commento espresso dalla delegazione di Rete Imprese Italia nel corso dell’audizione sui progetti di riforma del sistema nazionale di istruzione, tenuta oggi di fronte ai membri delle commissioni riunite Cultura della Camera e del Senato.

In particolare, l’attenzione di Rete Imprese Italia si è focalizzata sull’art. 4 del Ddl, titolato “Scuola, lavoro e territorio”, che introduce l’alternanza scuola/lavoro e, finalmente, definisce un ruolo per le imprese nel modello formativo nazionale.

Per raggiungere compiutamente gli obiettivi che si pone l’art. 4 del Ddl di riforma, Rete Imprese Italia ritiene necessario prevedere: il rilancio dell’apprendistato duale, che si basa sulla combinazione di teoria e pratica; il coinvolgimento delle imprese e delle loro rappresentanze nella definizione delle materie previste dal piano triennale dell’offerta formativa; il coinvolgimento, laddove possibile, degli imprenditori o di loro collaboratori nell’insegnamento di materie specifiche; incentivi economici per le imprese che ospitano gli studenti. Rete Imprese Italia considera necessario che il sistema di istruzione e formazione professionale venga considerato Buona Scuola alla pari del tradizionale sistema di istruzione.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email