Sprechi alimentari, il Senato approva la Legge. Fiesa Confesercenti: un atto doveroso e giusto

sprechi_alimentariIl Senato ha approvato la Legge sugli sprechi alimentari.
La proposta, frutto di otto Disegni di Legge sul tema, era stata già approvata dalla Camera a metà marzo e tende a favorire il recupero, la distribuzione e la valorizzazione delle eccedenze alimentari per fini di solidarietà sociale. Una pratica già molto diffusa, soprattutto grazie alle Associazioni, a cui i soci Confesercenti hanno dato in questi anni un grosso contributo conferendo vari prodotti alimentari: pane carni ortofrutta…
La Legge consente, in particolare, agli operatori del settore alimentare (es. esercizi commerciali, grande distribuzione organizzata, produttori) di cedere le eccedenze alimentari a titolo gratuito ad Organizzazioni private senza scopo di lucro (es. Onlus, Associazioni, Cooperative sociali) i quali devono a loro volta destinarle, se idonee al consumo umano, prioritariamente alle persone indigenti. La cessione viene consentita anche oltre il temine minimo di conservazione purché siano garantite l’integrità dell’imballaggio primario e le idonee condizioni di conservazione ed è inoltre prevista l’ulteriore trasformazione delle stesse. È consentita la cessione a titolo gratuito delle eccedenze di prodotti agricoli in campo o di prodotti di allevamento idonei al consumo umano ed animale ai soggetti cessionari.
Sono previste specifiche disposizioni per i prodotti finiti della panificazione e per i derivati dagli impasti di farina prodotti negli impianti di panificazione che non necessitano di condizionamento termico: questi, se invenduti o non somministrati entro le 24 ore successive alla loro produzione, sono da considerarsi eccedenti presso le rivendite di negozi, anche della grande distribuzione nonché presso i produttori artigianali o industriali, la ristorazione e possono essere donati ai soggetti cessionari. Per incentivare il ricorso alla cessione agli operatori del settore vengono concesse alcune agevolazioni di carattere fiscale e tributario in materia di IVA e la facoltà per il Comune di applicare un coefficiente di riduzione della tariffa sui rifiuti alle imprese che effettuano le cessioni. Il Disegno di Legge amplia, inoltre, la platea dei soggetti autorizzati a effettuare le distribuzioni gratuite e le categorie dei prodotti.
Fiesa Confesercenti che aveva espresso il proprio parere alle competenti commissioni parlamentari di Camera e Senato, saluta positivamente il provvedimento che introduce una bella norma nella legislazione italiana a sostegno delle fasce più deboli della popolazione. Ottimo il lavoro della relatrice On. Gadda che ha sintetizzato diverse proposte legislative e segnala positivamente l’innalzamento della soglia per l’esonero dalla comunicazione (sia ai fini IVA che delle imposte dirette). Positivo risulta per Fiesa, che l’aveva richiesto, anche l’ampliamento della platea degli attori ai quali poter effettuare la donazione. Tale possibilità fornisce all’imprenditore una certa elasticità e libertà nello scegliere a quale soggetto donare, essendo evidente che la scelta può essere basata su differenti criteri logistici, territoriali o per diverse finalità sociali.
Fiesa Confesercenti evidenzia tuttavia che occorreva fare uno sforzo in più sul terreno della detassazione locale per i prodotti conferiti, soprattutto in riferimento alla TARI. Su questo punto un orientamento più cogente da parte del legislatore, all’interno di una forbice definita, avrebbe potuto agevolare ulteriormente il contrasto allo spreco alimentare, toccando un elemento di grande sensibilità per le imprese quale la tassazione rifiuti a livello locale. Su questo aspetto occorrerà una forte azione di sensibilizzazione verso i Comuni.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email