Tlc, I-Com: Italia al 25* posto in Ue per banda ultralarga, ma sta recuperando

Offerta 2014 sale del 18%, aumentano gli investimenti da parte degli operatori

Nella classifica europea sullo sviluppo della banda ultralarga, l’Italia nel 2014 si è attestata al 25esimo posto, recuperando una posizione rispetto al 2013 grazie all’incremento di penetrazione della rete 4G e alla copertura broadband fissa e mobile. Il Nord Europa occupa per intero il podio con Danimarca, Svezia e Finlandia. Questo il risultato del rapporto I-Com (Istituto per la Competitività) su reti e servizi di nuova generazione.Tra il 2013 e il 2014, l’Italia registra una variazione del 14% del punteggio I-Com Broadband Index complessivo, a fronte di una media europea del 5%. In funzione di questa crescita, I-Com “posiziona l’Italia tra i paesi fast movers, definiti da una capacità di recupero particolarmente reattiva, a partire da una posizione di ritardo acclarata”. Secondo il Rapporto, “ai fini dell’inserimento dell’Italia tra i paesi che meglio fanno sperare rispetto allo sviluppo delle reti di nuova generazione, molto significativo è stato il contributo dell’offerta digitale, sospinta da un impegno continuo degli operatori sul piano degli investimenti. Nella classifica Ibi dedicata all’offerta, l’Italia si posiziona al 23esimo posto, recuperando 2 gradini rispetto all’indice generale.La crescita del punteggio Ibi Offerta è stata pari ad un +18% rispetto al 2013, a fronte di una media europea del +2%. Nella classifica Ibi dedicata alla Domanda, l’Italia si posiziona al 21o posto (+ 4 posizioni rispetto al ranking complessivo) ma senza incrementi apprezzabili rispetto all’anno precedente.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email