Trasporti: con Dl concorrenza non si perda occasione per recepire indicazioni Antitrust e Art su noleggio con conducente

 

Autonoleggio-a-tempo

“Ci auguriamo che Parlamento e Governo non perdano l’occasione di recepire le indicazioni relative al Noleggio con conducente date dall’Antitrust e dall’Autorità di Regolazione dei Trasporti (ART), mirate a rimuovere i vincoli burocratici ed operativi che ancora gravano sui servizi pubblici non di linea. Un danno non solo per imprese e consumatori, ma anche per l’intera economia: in questo modo si imbriglia un settore dinamico, fatto di 60mila imprenditori che danno occupazione a circa 200mila persone”.

Così Federnoleggio Confesercenti interviene sul Dl Concorrenza, in queste ore in discussione alla Camera.

“Anche la Commissione Trasporti della Camera si è espressa in tal senso: ci sembrerebbe quindi assurdo se il DL Concorrenza non dovesse incorporare provvedimenti che riducano l’eccesso di rigidità nel settore, in linea con le indicazioni arrivate e che purtroppo al momento sembrano essere state ignorate.  Attualmente per gli NCC ci sono limiti – imposti da una legge approvata nel 1992 – che con il passare del tempo sono divenuti assurdi. Basti pensare che, tra un servizio e l’altro, gli imprenditori sono costretti a tornare in rimessa in attesa di una nuova chiamata: un’idea forse legittima nel 1992, ma totalmente anacronistica nell’epoca del web e dello smartphone. Con la normativa vigente si arriva addirittura a discriminare le imprese italiane: le limitazioni imposte dalla legge, infatti, non si applicano agli imprenditori NCC di altri Paesi della Ue, che svolgono i loro servizi anche nel nostro Paese, soprattutto nelle Regioni più vicine ai confini nazionali, senza alcun vincolo. Insomma, al danno si aggiunge la beffa”.

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email