Truffe: raggiri ad anziani in Lazio, Puglia e Liguria, 8 arresti

Una banda che aveva compiuto centinaia di truffe ai danni di anziani è stata sgominata dai carabinieri della sezione di Polizia Giudiziaria della Procura di Roma, al termine di un’indagine durata circa due anni. I militari hanno arrestato 8 persone, più una sottoposta all’obbligo di firma, tra Napoli, Caserta, Pozzuoli e Santa Maria Capua Vetere. Sono accusate di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffe, per circa 4.500 – 5.000 euro a colpo.
L’organizzazione aveva esteso la sua attività criminale nel Lazio, in Puglia e in Liguria. Le vittime erano perlopiù pensionati ultrasessantenni nei confronti dei quali gli indagati hanno dimostrato totale insensibilità e particolare spietatezza e accanimento, anche quando erano malati o indeboliti. Non si facevano scrupolo di usare vessazioni di carattere psicologico e verbale.
Tra gli arrestati c’è anche una donna, la moglie del capo della banda, che pur non partecipando alla fase esecutiva aveva un ruolo attivo. Nel corso delle perquisizioni i carabinieri hanno potuto constatare che gli appartamenti in cui vivevano gli arrestati erano arredati con un lusso estremo che stride con la loro condizione ufficiale di disoccupati e nullatenenti.
Ulteriori particolari saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 11 presso la Procura della Repubblica di Roma.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email