Turismo: firmato accordo per formazione operatori e clienti

L’iniziativa Assoturismo – Bto Educational – SuperTO – CST Firenze

Il settore del turismo sta attraversando profonde e strutturali modifiche, sia per quanto riguarda il profilo e le caratteristiche dell’offerta che per quanto riguarda la domanda.

Da un punto di vista dell’offerta, si assiste all’entrata sempre più decisa di grandi gruppi e catene di operatori professionali della ricettività, mentre il mercato si sposta sempre più verso l’intermediazione on line.

Sul versante della domanda, sta crescendo la richiesta di servizi in grado di rispondere alle aspettative qualitative delle persone e di creare le condizioni per determinare la vacanza come esperienza da vivere in termini di emozioni e di ricordi incancellabili. Anche in questo caso la “rete” sta assumendo un ruolo sempre più preponderante, non solo come strumento di scelta e prenotazione ma anche di orientamento.

Questa situazione di evoluzione del settore e di forti esigenze delle imprese turistiche, in termini di capacità e necessità di utilizzo delle migliori modalità per rimanere sul mercato in modo competitivo, ha spinto Assoturismo-Confesercenti a concretizzare con Centro Studi Turistici di Firenze – SuperTO e BTO Educational un accordo di collaborazione pluriennale.

“Obiettivo dell’intesa – spiega Claudio Albonetti, presidente di Assoturismo – è lo sviluppo e la prosecuzione di progetti di formazione professionale per le imprese turistiche ed i loro dipendenti e collaboratori, su tutte le tematiche che riguardano il web, lo sviluppo dei nuovi mercati e di nuove modalità di costruzione del prodotto. Ma anche la ricerca di nuove modalità sensibilizzazione della clientela per incrementarne la consapevolezza verso le nuove dinamiche e opportunità di consumo del prodotto turistico. La formazione per i nostri imprenditori va nella direzione da sempre auspicata dalla nostra associazione – conclude Albonetti – che si inserisce tra gli obiettivi e le finalità previsti dal recente provvedimento del Governo sullo sviluppo e sostegno al turismo italiano, attraverso un credito d’imposta alle aziende che provvederanno alla digitalizzazione della propria offerta”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email