Ue: “Italia verso ripresa graduale, ma debito in rialzo”

Padoan: “confermato il miglioramento dei conti italiani”

“Dopo la forte recessione del 2012-13, si prevede una lenta ripresa nel 2014 sostenuta soprattutto da domanda esterna”: sono le nuove stime Ue sull’Italia, che lasciano la crescita invariata a 0,6% nel 2014 e 1,2% nel 2015. “Rischi al ribasso per le prospettive”, spiegano da Bruxelles, potrebbero però provenire da un eventuale “apprezzamento dell’euro e tensioni geopolitiche”. La Commissione Ue rivede al rialzo, invece, le stime del debito pubblico. E spiega che, dopo il pagamento dei debiti pa, questo toccherà il nuovo record di 135,2% del pil per poi scendere a 133,9% nel 2015 grazie ad avanzo primario, crescita e privatizzazioni previste nella seconda parte del 2014. Rimangono invariate, invece, le stime sul deficit italiano: nel 2014 al 2,6% e nel 2015 al 2,2%. Ma Bruxelles precisa che le previsioni per il 2015 non tengono in considerazione né la riduzione dell’Irpef per i redditi bassi né la spending review “perché i dettagli non sono stati ancora specificati”.

Peggiorano purtroppo le stime sulla disoccupazione italiana: nel 2014 vedrà “un nuovo picco” con il 12,8% (contro il 12,6% stimato a febbraio) e nel 2015 “scenderà marginalmente” a 12,5% (a febbraio era al 12,4%).  Divera la situazione dell’eurozona: grazie a un miglioramento delle condizioni del mercato del lavoro, la disoccupazione calerà più del previsto nell’eurozona e nell’Ue. Le stime della Commissione Ue prevedono un tasso all’11,8% nel 2014 e all’11,4% nel 2015 per i paesi della moneta unica, contro 12% e 11,7% previsti a febbraio, e 10,5% e 10,1% per i 28 contro 10,7% e 10,4%.

“Le previsioni confermano che il Paese sta migliorando, c’è crescita, miglioramento della competitività ma soprattutto di investimenti e occupazione nel periodo di previsione”: così commenta il ministro Pier Carlo Padoan, aggiungendo che “questo conferma che le cose stanno andando bene e che la politica economica del governo le rafforzerà”.

“Le misure richiedono tempo”, ma “la direzione è giusta e le misure sono giuste, i tempi sappiamo tutti, sia a Roma che a Bruxelles, che non sono immediati ma questo non indebolisce l’importanza delle misure”.

La Commissione Ue ha dato un pareggio strutturale “diverso dalla previsione che abbiamo avanzato”, e “la ragione è che non tiene conto delle politiche intraprese”. Il ministro ha quindi spiegato di non sentirsi preoccupato, e ha aggiunto che “altri Paesi hanno posizione di aggiustamento peggiore della nostra”.

Il Governo, come la Ue, aveva detto “da tempo che il debito quest’anno sarebbe aumentato e il prossimo sceso”, e inoltre “visto il surplus primario e la crescita in aumento, il costo del debito in riduzione, tutto aritmeticamente indica che questa riduzione ci sarà forse più rapidamente di quanto pensiamo, ha sottolineato Padoan.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email