Vittorio Messina: “bene il turismo ma serve più attenzione da parte della politica”

“Per rendere strutturale una domanda turistica che si presenta in forte crescita occorre accompagnare la crescita e lo sviluppo del settore con una maggiore attenzione da parte della politica tenendo presente che la possibilità di cogliere questo trend favorevole si gioca anche sul terreno dell qualità e su questo terreno come sistema alberghiero siamo consapevoli di poter fare la nostra parte”. Così ha concluso i lavori dell’assemblea regionale di AssoHotel a Bologna il presidente nazionale di Assoturismo Vittorio Messina.

“Oggi – ha detto ancora Vittorio Messina – siamo imn presenza di una competizione dove le regole che non sono uguali per tutti. Il comparto alberghiero deve infatti fare i conti con un livello di oneri fiscali e normativi decisamente superiori a quello applicato alla ricettività extra alberghiera. Siamo ancora lontani da una situazione che affronti con maggiore impegno il fenomeno dell’abusivismo e della concorrenza reale, aspetti che incidono sovente anche sulla qualità dell’ospitalità Nel 2017 sono stati quasi 59 milioni i visitatori esteri che hanno trascorso le loro vacanze nel nostro Paese, un numero che dovrebbe aumentare almeno del 5% nel corso del 2018. Ma perché questo dato diventi un vero valore aggiunto, è necessario mettere in campo una politica economica nuova che sostenga lo sviluppo e la competitività del turismo italiano. Per questo proponiamo al Governo che si andrà a costituire un piano di intervento per sostenere il settore e trasformare il rinnovato interesse turistico per l’Italia in una risorsa per tutta la nostra economia”.

“L’alto livello di interesse dei mercati esteri nei confronti del nostro Paese è un’occasione da non mancare, – ha spiegato il Presidente di Assoturismo Vittorio Messina – partendo dalla ricostituzione di un Ministero per il Turismo che permetta di perseguire una politica unitaria sul settore – sia su fisco che su promozione – passando poi al varo di un piano specifico per sostenere le micro e piccole imprese del settore, soprattutto quelle stagionali. Ma è indispensabile anche agire sul fronte dell’Unione europea, ricalibrando il recepimento delle normative sul turismo e riequilibrando i livelli di tassazione sulla media Ue, e varare un progetto concreto di destagionalizzazione che permetta finalmente al nostro Paese di valorizzare la propria offerta turistica per tutto l’anno”.

“La nostra proposta mira ad intraprendere un percorso virtuoso – ha sottolineato ancora Messina – che implica anche un aumento dell’occupazione di lavoratori del settore, soprattutto giovani, che potrebbero trovare in strutture turistiche e servizi locali l’opportunità per un lavoro meno precario, evitando di abbandonare il luogo di nascita, o per immigrati che, a seguito di specifici corsi di formazione, potrebbero integrarsi nel tessuto produttivo locale con una maggiore facilitazione nell’inserimento sociale”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email