Webinar Confesercenti: bilancio a sei mesi da inizio lockdown

La presidente Patrizia De Luise incontra tutti i presidenti e coordinatori delle categorie associate

Nel pomeriggio di martedì 22 settembre, la presidente di Confesercenti Patrizia De Luise, il segretario generale Mauro Bussoni e il direttore generale Giuseppe Capanna hanno incontrato in video call tutti i presidenti e i coordinatori nazionali delle federazioni di categoria Confesercenti.

Un appuntamento importante per tracciare un bilancio a sei mesi dall’inizio del lockdown. Un webinar per fare il punto sulle azioni messe in campo da Confesercenti e sulle richieste, gli interventi e le sollecitazioni portati avanti dall’Associazione in relazione ai provvedimenti messi in campo dal Governo in questa fase di emergenza economica.

“Il Covid ha imposto alle nostre imprese sacrifici mai sperimentati prima – le parole della presidente De Luise – Le imprese però hanno dimostrato resilienza, capacità di resistere e grande responsabilità. Il costo pagato dalle imprese e dal sistema Paese è stato altissimo e i dati parlano da soli. Il lavoro portato avanti da Confesercenti in questi mesi è stato complesso: una rincorsa quotidiana per recepire le istanze delle nostre imprese e trasmetterle al governo. La Confesercenti nazionale e le Confesercenti territoriali sono riuscite ad essere presidio, basi di aiuto e sicurezza per tanti imprenditori”.

La Presidente di Confesercenti ha poi tracciato un bilancio dei provvedimenti che in questi mesi di emergenza hanno caratterizzato il lavoro dell’Associazione e il rapporto con il Governo: dalla sicurezza negli esercizi commerciali alla sospensione e proroga delle misure fiscali; dalla denuncia del mal funzionamento di CIG e accesso al credito alla proroga di plastic tax, sugar tax e lotteria degli scontrini; dall’acconto Irap prorogato all’estensione del tax credit; dai contributi per locali da ballo e agenzie di viaggi all’adeguamento degli ambienti di lavoro; dai contributi a fondo perduto per le attività dei centri storici all’esonero da Irap e Tosap; dalla formazione continua al sostegno al reddito. E tanto altro ancora.

“Continuiamo a lavorare il più possibile – ha continuato Patrizia De Luise – per portare le imprese vive ed integre alla fine dell’emergenza. E poi è necessario lavorare a cosa mettere in campo per fortificare le nostre imprese per il dopo. Siamo chiamati a gestire bene i fondi europei. Abbiamo lavorato tanto per ottenere il massimo per ogni settore delle nostre aziende. Niente barricate ma risultati ottenuti con forza e fermezza”.

Un incontro per guardare al futuro, dove tutti i presidenti delle federazioni hanno analizzato la situazione del proprio settore, con l’obiettivo di valutare le prospettive delle imprese e dell’economia, per sostenere tutti insieme la ripartenza del tessuto imprenditoriale italiano.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email