Ztl, le associazioni ad Appendino: “discutiamo di mobilità sostenibile e di rilancio del centro”

Confesercenti, Coordinamento Torino Sostenibile e Coordinamento associazioni di via del centro chiedono un incontro per instaurare un dialogo sul tema

Confesercenti, Coordinamento Torino Sostenibile e Coordinamento delle associazioni di via del centro, hanno inviato alla sindaca, Chiara Appendino una lettera in cui scrivono: “siamo un gruppo di cittadini e di associazioni di commercianti, da sempre interessati al dibattito sulla fruibilità del centro storico di Torino e alla necessità di individuare una diversa cultura della mobilità e del modo di vivere gli spazi comuni metropolitani, nonché un progetto di sviluppo capace di promuovere e incrementare l’attrattività della zona centrale.

Come Lei ben sa, il dibattito sulla ZTL si è bloccato su posizioni contrapposte.

Noi crediamo che un centro sempre più vivibile, accogliente e inclusivo possa essere un obiettivo condiviso da tutti. Per questa ragione crediamo possa aprirsi una fase di dibattito e un’apertura verso l’analisi di una valida proposta alternativa che sappia  valorizzare i  centri commerciali naturali e aumentare la qualità di negozi e pubblici esercizi.

In più occasioni, Lei, Sindaca, ha infatti sottolineato la necessità di migliorare e incrementare tali elementi a beneficio sia dei residenti, sia di chi in centro lavora o si reca per lavoro, spese, divertimento.

Riteniamo che una tematica così importante debba essere oggetto del più ampio confronto fra tutti i soggetti e attori a diverso titolo coinvolti: la sostenibilità ambientale, l’accessibilità di vie e quartieri nel rispetto dell’ambiente e – più in generale – l’armonizzazione “virtuosa” delle tante e diverse esigenze di mobilità (e non solo) sono elementi capaci di condizionare il futuro di Torino come città accogliente e a “misura di persona”. D’altra parte, qualsiasi provvedimento che si vorrà adottare avrà tanto più successo quanto più sarà condiviso e fatto proprio dalla generalità dei cittadini.

È in questo spirito, dunque, che chiediamo di poterLa incontrare per instaurare un proficuo e costante dialogo e per esaminare le proposte nel merito, ritenendo di poter contribuire fattivamente nello sviluppo di progetto condiviso”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email