Assomacellai, Angelotti in un’intervista al Cucchiaio d’argento fa il punto sulla carne grass fed

Il Presidente Fiesa: “Ha un sapore particolare che può non piacere a tutti, ma è perfetta per brodo e spezzatino”

In un’intervista al Cucchiaio d’argento il presidente di Fiesa Confesercenti Gian Paolo Angelotti ha fatto il punto sui consumi di carne grass fed: “È un modo di allevare che non è tipico nostro, si è sviluppato nell’Europa del Nord e poi lo abbiamo importato qui. Gli animali vivono liberi, allo stato brado, come una volta, come si faceva in passato”.

Angelotti ha spiegato: “I bovini grass-fed vivono mediamente più degli altri: le mucche da latte arrivano anche a 7-8 anni, mentre i vitelli da carne di solito si fermano intorno ai 18 mesi, prima che diventino tori”.

Riferendosi alla carne il Presidente di Fiesa ha sottolineato: “Ha un sapore particolare che può non piacere a tutti, ma è perfetta per brodo e spezzatino”,

L’intervista 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email