Credito: crescono prestiti per le famiglie (+1,9%), ma quelli alle imprese sono al palo (+0,2%)

I dati di Banca d’Italia. A dicembre sofferenze ancora a quota 200 miliardi

Banche: crescono prestiti per le famiglie, ma quelli per le imprese sono al palo“A dicembre i prestiti bancari al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, hanno registrato una crescita su base annua dell’1,1% (0,5% a novembre)”. Lo riporta la Banca d’Italia nel bollettino di febbraio sulle principali voci dei bilanci bancari. Il miglioramento, però, riguarda quasi esclusivamente le famiglie. Per le quali i prestiti, sottolinea Bankitalia, “sono cresciuti a dicembre dell’1,9% sui dodici mesi (1,8% a novembre)”. Rimangono al palo, invece, quelli per le società non finanziarie, “aumentati su base annua dello 0,2% dopo lo zero per cento a novembre)”.

“A dicembre – prosegue Bankitalia –  il tasso di crescita sui dodici mesi dei depositi del settore privato è aumentato al 4,9 per cento (4,4 per cento a novembre). La raccolta obbligazionaria, incluse le obbligazioni detenute dal sistema bancario è diminuita del 10,9 per cento su base annua (-9 per cento nel mese precedente), mentre al netto delle  obbligazioni detenute dal sistema bancario è diminuita del 19,2 per  cento (-17,4 nel mese precedente).

“Il tasso di crescita sui dodici mesi delle sofferenze – aggiunge – tenendo conto delle discontinuità statistiche, ma senza correggere per le cartolarizzazioni e le altre cessioni, è stato pari a -0,7 per cento (-1,7 per cento a novembre). Correggendo tale tasso di crescita per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, analogamente a quanto si fa per i prestiti, il tasso  di crescita sui dodici mesi delle sofferenze è stato a dicembre  dell’11,7 per cento (11,8 per cento nel mese precedente)”.

” I tassi d’interesse sui finanziamenti – conclude Bankitalia – erogati nel mese alle famiglie per l‘acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, sono stati pari al 2,32 per cento (2,35 nel mese precedente); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo al 7,64 per cento (8,02 nel mese precedente). I tassi d’interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie di importo fino a 1 milione di euro sono risultati pari al 2,27 per cento (2,23 nel mese precedente); quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia all’1,12 per cento (1,11 per cento a novembre). I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono rimasti stabili allo 0,41 per cento”.

Leggi le altre notizie

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email