Bankitalia: “A maggio nuovo record debito pubblico sale a 2.241 miliardi”

Crescono le entrate: a maggio a 33,8 miliardi, in 5 mesi +4,2%

Nuovo record per il debito pubblico. A maggio, secondo i dati di Bankitalia nel supplemento finanza pubblica, il debito delle amministrazioni pubbliche si è attestato a 2.241,8 miliardi, in aumento di 10,9 miliardi rispetto al mese precedente: oltre 250mila euro in più ogni minuto.

L’incremento è dovuto all’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (8 miliardi, a 72,7 miliardi alla fine di maggio 2016), al fabbisogno del mese (2,1 miliardi) e all’effetto complessivo degli scarti e dei premi di emissione, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e del deprezzamento dell’euro (0,8 miliardi). Con riferimento ai sottosettori, il debito delle amministrazioni centrali è aumentato di 10,5 miliardi e quello delle amministrazioni locali di 0,4 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato.

A maggio, aggiunge Bankitalia, le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 33,8 miliardi (31,0 miliardi nello stesso mese del 2015). Nei primi cinque mesi del 2016 le entrate tributarie sono state complessivamente pari a 152,3 miliardi, in aumento del 4,2 per cento rispetto a quelle relative allo stesso periodo dell’anno precedente. Al netto di alcune disomogeneità contabili e temporali (riguardanti principalmente l’Irpef, l’Iva, l’imposta di bollo virtuale, il canone Rai), si può stimare che la crescita sia stata significativamente inferiore.

 

 

 

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email