Commercio, vendite al dettaglio ancora in caduta

Istat: “A febbraio scendono del 4,8% su anno”

Le vendite al dettaglio a febbraio 2013 segnano un’ulteriore caduta, scendendo del 4,8% su base annua, con l’alimentare in calo del 4,0%. Secondo le rilevazioni dell’Istat si tratta nel complesso dell’ottava flessione tendenziale consecutiva, la più forte da aprile 2012. Inoltre, l’indice risulta in diminuzione anche su base mensile (-0,2%). Con riferimento ai valori tendenziali, l’indice grezzo del totale delle vendite segna una diminuzione su base annua frutto non solo della caduta registrata per i prodotti alimentari ma anche del ribasso, ancora più forte, rilevato per il settore non food (-5,3%), comparto che mostra variazioni tendenziali negative in tutti i gruppi di prodotti. Nel dettaglio, le flessioni di maggiore entità riguardano i gruppi Foto-ottica e pellicole, supporti magnetici, strumenti musicali (-7,7%) e Cartoleria, libri, giornali e riviste(-7,4%). Guardando alla forma distributiva, nel confronto con il mese di febbraio 2012, l’Istat rileva una diminuzione sia per la grande distribuzione (-3,5%), sia per i piccoli negozi (-6,0%). Tra gli esercizi non specializzati a prevalenza alimentare, si registra un calo marcato delle vendite sia per gli ipermercati (-5,3%), sia per i supermercati (-3,9%). E diminuiscono, seppure in misura decisamente più contenuta, anche le vendite per i discount (-0,1%). A livello congiunturale, invece, il -0,2% totale è frutto di un aumento per le vendite

Confesercenti: “La situazione resta grave, prosegue distruzione di imprese e lavoro. Nel quinquennio della crisi bruciati 238 miliardi di reddito disponibile per le famiglie, in media 10.000 euro in meno ciascuna. Urgente governo che rilanci la crescita”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email