Confesercenti E.R.: urgente la riforma dei buoni pasto una tassa occulta per le imprese della ristorazione

Fiepet in un tavolo congiunto, insieme ad altre associazioni di categoria, denuncia l’attuale sistema e chiede maggiore tutela

Confesercenti e Fiepet, insieme ad altre associazioni di categoria della ristorazione, riunite per la prima volta intorno ad un tavolo di lavoro congiunto, denuncia l’attuale sistema dei buoni pasto che costa agli esercenti convenzionati quasi 500 milioni l’anno.

Come spiega Massimo Zucchini presidente Fiepet regionale e Confesercenti Bologna: “il sistema attuale equivale di fatto ad una tassa occulta che arriva a sfiorare il 30%. E’ un meccanismo perverso che ci costringe da una parte ad accettare i buoni pasto perché molti di noi rischiano altrimenti di perdere un numero consistente di clientela, dall’altra sono per noi oneri di cui non riusciamo più a rientrare e il più delle volte siamo rimborsati molto tempo dopo. Senza contare poi che nei casi in cui le società emettitrici dei buoni pasto sono fallite, gli esercenti non sono stati assolutamente tutelati. Chiediamo perciò al Ministro dello Sviluppo Economico e al Ministro del Lavoro di rivedere in maniera concertata la percentuale delle commissioni alle società emettitrici, effetto delle gare bandite dalla Consip per la fornitura del servizio alla pubblica amministrazione e di prevedere una forma di tutela in caso di fallimento delle società emettitrici. Senza una riforma, si rischia di mettere in ginocchio un settore fondamentale per l’economia dell’intero Paese. ”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email