Confesercenti Siena, dieci milioni alle imprese per rilanciare l’ economia

I fondi del Monte dei Paschi di Siena e il progetto di Confesercenti e Italia Comfidi per sostenere le piccole e medie attività di tutta la provincia piegate dalla crisi

Dieci milioni di euro, utilizzabili fino al 30 marzo 2015, per le imprese della Provincia di Livorno che si occupano di commercio, turismo e servizi: è quanto messo a disposizione dalla banca del Monte dei Paschi di Siena per sostenere la piccola-media impresa livornese piegata dalla crisi. Il progetto di rilancio dell’ economia locale è nato grazie all’ intesa tra l’ istituto di credito e la Confesercenti, che farà da tramite tra la banca e le proprie aziende: “Vogliamo dare una spinta in più ai soci che si trovano in difficoltà, ma la porta è aperta anche a chi non è ancora nostro associato”, puntualizza il direttore provinciale Alessandro Ciapini. Per il capo area Mps, Gianfranco Cenni, “l’ appeal della provincia livornese è in crescita e va sostenuto. Il turismo estivo – aggiunge – ha resistito nonostante il clima incerto, e insieme alle eccellenze agroalimentari del territorio può fare da volano per la crescita”. Tra i soggetti dell’ accordo anche Italia Comfidi, il consorzio di garanzia crediti alle imprese specializzato nell’ intermediazione finanziaria: “Per accedere al fondo Mps le imprese dovranno rispondere a parametri precisi di affidabilità- spiega Ciapini – e il consorzio potrà seguirle per aiutarle a migliorare il proprio rating, nonché fare da garante sul finanziamento fino all’ 80%”. Un altro aiuto potrebbe venire da FidiToscana, la società di servizi nata nel 1975 che aiuta le imprese a istruire pratiche con la Regione a costi contenuti, se non a costo zero, e a intercettare le agevolazioni regionali. Ma per cosa sarebbero effettivamente disponibili i 10 milioni di Mps? “Sono previste – chiarisce il responsabile territoriale mercato di Mps, Gian Paolo Fusco – forme di finanziamento a breve e a lungo termine per l’ efficientamento energetico e per le ristrutturazioni, ma siamo pronti a sostenere anche gli investimenti sul territorio, con attenzione particolare alle start-up”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email