Confesercenti Veneto Centrale, sottoscritto accordo Banca Patavina: prestiti agevolati fino a 35mila euro

Accesso al credito in tempi rapidi e tassi agevolati, con la garanzia di ItaliaComfidi, Il Presidente Rossi: “rispondiamo al grande bisogno di liquidità da parte di piccole e microimprese. Con questo accordo cogliamo tutti gli obiettivi, e miglioriamo anche il rating dell’azienda”

Prestiti agevolati fino a 35mila euro, con durata del finanziamento fino a 72 mesi e tassi d’interesse di favore. L’accordo sottoscritto da Confesercenti del Veneto Centrale e Banca Patavina, con la garanzia di ItaliaComfidi, risponde alla grande necessità, da parte della microimpresa, di avere liquidità in tempi brevi.

«Soprattutto in tempo di crisi» commenta il presidente della Confesercenti del Veneto Centrale, Nicola Rossi, «l’accesso al credito è una condizione essenziale per portare avanti le attività economiche. Le piccole e microimprese hanno bisogno di liquidità per sostituire i mezzi di trasporto: pensiamo solo al fatto che l’aggiornamento normativo è costante e periodicamente alcuni mezzi vengono interdetti alla circolazione per motivi ambientali. Questo però impone il problema dell’acquisto di nuovi mezzi, una spesa forse non tra le più onerose ma comunque importante. Un’altra esigenza forte è quella del rinnovamento del magazzino, nel settore moda: i negozi hanno bisogno di acquistare nuove merci, ma mancano gli introiti persi con i lockdown e con le successive altalene tra aperture e chiusure. Ancora, si può usufruire della convenzione per rendere più belli e accoglienti i locali, con piccoli interventi di manutenzione e rinnovamento dell’arredo».

Alla necessità delle imprese, Confesercenti risponde quindi con un accordo che garantisce l’accesso al credito in tempi brevi, e con un tasso contenuto. A fare da garante, poi, c’è la società di intermediazione finanziaria Italia Comfidi. «Con questo accordo» conclude Rossi «cogliamo tutti gli obiettivi che ci siamo posti, e in più miglioriamo il rating dell’azienda grazie alla garanzia di Italia Comfidi».

Nel dettaglio l’accordo prevede:

• importo finanziato: da 10 a 35mila euro;
• durata finanziamento: fino a 72 mesi, con un massimo di 24 mesi di preammortamento;
• garanzia Italia Comfidi: a prima richiesta, fino ad un massimo dell’80% con un minimo 50%;
• tasso di interesse annuo: fisso 1,95%;
• spese di istruttoria: 1%;

«Abbiamo raccolto con piacere» commenta il Vicedirettore Generale di Banca Patavina, Luca Cenzato, «l’istanza di Confesercenti per agevolare il trattamento riservato ai loro associati – una platea particolarmente colpita dalle difficoltà economiche legate alla pandemia – in termini di tassi e condizioni. Stiamo osservando l’inizio di una stagione di rinascita, con il PIL in crescita anche rispetto al 2019, e BCC Patavina vuole non solo agganciare il treno della ripartenza, ma anche fare tutto il possibile per accelerarlo».

«Ci auguriamo tutti di aver superato la fase più critica dell’emergenza» continua il responsabile per l’area Nord Italia di Italia Comfidi, Domenico Perroni «ma certamente dobbiamo ancora affrontare le conseguenze economiche che insieme ai morti questa pandemia ha causato. Le nostre imprese dovranno confrontarsi, comprendere questo nuovo scenario e ricercare nuovi equilibri gestionali e\o spazi di business diversi. Per far ciò occorrono interlocutori credibili, rinnovata fiducia e nuovo credito. A questo proposito, la Confesercenti insieme a Banca Patavina e Italia Comfidi, che mi onoro di rappresentare, hanno fatto proprie queste istanze dando vita ad un protocollo d’intesa che impegna tutti noi a percorsi agevolati sia in termini di tempistiche di risposta che di pricing a favore delle imprese stesse, da un lato azzerando le differenze di rating con conseguente risparmio sui saggi di interesse e dall’altro accompagnando la richiesta di finanziamento».

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email