Contraffazione audio-video, sequestrati 23 milioni di cd e dvd

Oltre 23 milioni di cd e dvd “vergini” sequestrati,  un’evasione da oltre 250 milioni di euro. E ancora: 47 persone indagate e 16 arrestate. Sono i numeri dell’operazione ‘Virgin’ della Guardia di Finanza scattata all’alba contro la pirateria di materiale audio e video. I sequestri sono stati fatti grazie a centinaia di perquisizioni, migliaia di intercettazioni telefoniche, telematiche ed ambientali.
L’operazione ha portato alla luce un’organizzazione con diramazioni in Svizzera, Isole del Canale, San Marino, Slovenia e Austria: accertata l’evasione di diritti Siae (e quindi allo Stato) di 26 centesimi di euro per ogni cd e 50 centesimi di euro per ogni dvd, per un totale di oltre 156 milioni di euro ed imposte per altri 96 milioni. Una frode che consentiva non solo alle aziende campane in odore di camorra ma anche a soggetti operanti nella grande distribuzione di ottenere la merce a prezzi inferiori a quelli di mercato, sbaragliando in tal modo la concorrenza.
Attraverso l’utilizzo di fatture false, predisposte ad hoc da esperti commercialisti e consulenti tributari, le società, prive di sede reale e di contabilità, venivano fatte apparire come solide e regolari. La merce, formalmente esportata al di fuori del territorio nazionale, veniva di fatto distribuita in Italia, scortata da documenti di trasporto ‘taroccati’, il tutto in totale evasione d’imposta.
Tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Napoli anche i vertici della Verbatim Italia: gli arresti domiciliari sono scattati per il rappresentante legale Marco Balducci, all’epoca dei fatti responsabile amministrativo; per l’ex ad, licenziato nel 2012, Mauro Santi; e per il responsabile vendite sud Europa Matteo Locatelli, all’epoca responsabile vendite Italia. Ordinanza di custodia cautelare in carcere, invece, per Luciano e Francesco Meoni, due imprenditori toscani impegnati nella grande distribuzione e nel commercio all’ingrosso.
Finanzieri del comando provinciale di Roma, unitamente a decine di colleghi di altre 23 province sono impegnati in Lombardia, Toscana, Lazio, Campania, Puglia e Sicilia. Sequestrati 164 conti correnti, 46 obbligazioni finanziarie, 34 titoli al portatore, 8 cassette di sicurezza, 38 fondi di investimento, 56 auto e moto di lusso, uno yacht di 15 metri e 71 prestigiose proprietà immobiliari e terriere per un valore pari a 252 milioni di euro.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email