Contraffazione: scoperta fabbrica di cashmere falso, 4 denunce

Confesercenti: abbattere la cultura dell’illegalità

contraffazione-2La Guardia di Finanza di Torino ha concluso un’articolata operazione che ha portato al sequestro di una fabbrica di prodotti in falso cashmere e 150.000 articoli di abbigliamento con false indicazioni nelle etichette. I Baschi Verdi del Gruppo Torino avevano notato che in un negozio del capoluogo piemontese venivano vendute sciarpe in cashmere a prezzi inferiori rispetto a quelli mediamente praticati, con conseguenti dubbi circa la loro autenticita’. Sono pertanto scattate le indagini, coordinate dal sostituto procuratore della Repubblica di Torino, Alessandro Aghemo, che hanno portato al sequestro delle sciarpe all’interno dell’esercizio commerciale.

Dalle successive analisi di laboratorio (effettuate presso l’agenzia delle dogane e monopoli di milano) e’ emerso che, anziche’ essere composte da un 50% per cento di cashmere ed un 50% di altra lana, erano in realta’ composte da un filato contenente in prevalenza viscosa e polyammide e solo in minore parte lana. Inoltre, parte del tessuto conteneva pelo di coniglio e non il pregiato pelo di capra “hircus” da cui si ricava il cashmere. I finanzieri sono quindi risaliti, esaminando la contabilita’, ai fornitori del commerciante delle sciarpe sequestrate; si tratta di due grossisti con sede nelle province di Milano e Bergamo. Le perquisizioni presso le loro sedi hanno consentito di porre sotto sequestro oltre 30.000 capi di vestiario con false etichette. In particolare, nel corso delle operazioni svolte nel Comune di Pero (Milano), i militari hanno scoperto migliaia di capi con etichette indicanti la falsa dicitura “100% Lana”, applicate sopra quelle originali riportanti “100% Viscosa”. Lo sviluppo degli elementi acquisiti nel corso delle perquisizioni, ha condotto all’individuazione di una vera e propria fabbrica a Marcon (Venezia), con tanto di roccatrici e filatrici industriali, in cui venivano realizzati i falsi capi in cashmere. Inoltre presso un magazzino ubicato in Santa Margherita d’Adige (Padova), i finanzieri hanno sequestrato un ingente quantitativo di capi gia’ realizzati e pronti ad essere immessi sul mercato, decine di migliaia di etichette attestanti la qualita’ del cashmere utilizzato ed eleganti confezioni riportanti il nome di esclusive localita’ turistiche del territorio nazionale. L’operazione nel suo complesso ha permesso di denunciare quattro responsabili per i reati di frode in commercio e di messa in vendita di prodotti industriali attestandone falsamente la qualita’.

“Da parte nostra il massimo plauso alla Guardia di Finanza, che ha intercettato e colpito chi produceva e smerciava falso cashmere”, dichiara Confesercenti. “La contraffazione è una frode che colpisce pesantemente produttori e commercianti. Dietro alla contraffazione c’è una cultura dell’illegalità e della criminalità organizzata che va abbattuta al più presto. Troppo spesso al complicità di chi compra questi prodotti favorisce e rafforza i criminali.”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email