Crisi, Letta a Bruxelles: “Torno a Roma ottimista”

Il premier: “A Berlino, Parigi e Bruxelles consapevolezza che ci  accomuna”

Torno a Roma ottimista, più di quando sono partito.  Ho visto come a Berlino, Parigi e Bruxelles ci sia una consapevolezza che ci  accomuna”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Enrico Letta, questa mattina  a Bruxelles, al termine del suo incontro con il rpesidente della Commissione  europea Josè Manuel Barroso, facendo un bilancio del suo viaggio lampo nelle tre  capitali europee immediatamente dopo il voto di fiducia al nuovo governo.
“I  cittadini devono vedere che l’Europa comprende la fatica sociale che vivono e  che è portatrice di risposte positive. La politica (in questo caso quella  europea, ndr) deve avere la serietà di dire poche cose e però quelle cose poi  deve farle”, ha detto ancora Letta, che ha sottolineato in particolare la  necessità di prendere misure concrete contro “l’incubo della disoccupazione  giovanile”, e di mettere in atto l’unione bancaria, già decisa, ma che è ancora  frenata dalle reticenze di alcuni paesi (in primo luogo la Germania).
Letta  ha ricordato che “ieri era la festa del lavoro ma purtroppo c’è poco da  festeggiare: la disoccupazione è la caratteristica delle nostre società. Ma  torno a Roma – ha aggiunto – con una serie di idee e la convinzione che il  Consiglio europeo di giugno dovrà dare dei messaggi concreti, e il più  importante di questi – ha concluso – dovrà essere la lotta alla disoccupazione  giovanile”.
Da parte sua, con Letta, Barroso condivide “la visione che  l’Unione europea e i suoi Stati debbano attuare urgentemente le indispensabili  misure per la crescita e l’occupazione sulla base di finanze pubbliche sane”.  Infatti, “ogni euro speso in debito e’ un euro mancato per gli investimenti  nell’occupazione, nei giovani, nelle imprese o nella ricerca”. Per questo  l’Italia “non puo’ e non si fermera’ ora” perche’ “continuare ad attuare riforma  ad ampio raggio riducendo il deficit e il debito e’ un compito inevitabile”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email