Def: Renzi, eliminate clausole di salvaguardia, no aumenti tasse nel 2015

No tagli a enti locali, ma spending continua. Padoan: Pil crescerà dello 0,7% quest’anno, dell’1,4% nel 2016 e dell’1,5% nel 2017

-

“Le clausole di salvaguardia saranno totalmente eliminate” .Lo ha rivendicato il premier Matteo Renzi, in conferenza stampa a palazzo Chigi, al termine della prima discussione in Cdm sul def. “E’ finito il tempo in cui i politici chiedevano i sacrifici ai cittadini. I cittadini sanno che da questo governo non vengono richieste nuove tasse. Abbiamo fatto gli 80 euro, il taglio dell’Irap, la detassazione sul lavoro e continueremo. Certo c’è bisogno di far dimagrire un po’ la macchina pubblica, ma se i sacrifici li fanno i politici male non fa: se saltano poltrone nei Cda delle partecipate non è un sacrificio…”, ha concluso sul punto Renzi. Per questo il Def, spiega il premier, non prevede “ne’ aumenti di tassazione ne’ tagli alle prestazioni che i cittadini ricevono. “Nel 2015 riduciamo le tasse per 18 miliardi più i 3 di clausole che eliminiamo. Incontriamo prima di venerdì i comuni e se c’è bisogono anche le regioni, ma ribadisco: non ci sono tagli per il 2015. Punto. Che poi nel 2016, 2017 e 2018 la revisione della spesa debba continuare è un dato di fatto. A settembre-ottobre rifletteremo su dove mettere i soldi che arriveranno dalla spending” e dalla voluntary discolsure: “Sulle clausole di salvaguardia, o per ridurre le tasse, o magari investire su determinate priorità che in quel momento ci sembreranno opportune”.

“Le clausole di salvaguardia – ha spiegato ulteriormente il ministro all’Economia Pier Carlo Padoan – saranno disinnescate in parte con la spending review, in parte “automaticamente” con benefici della crescita”. Che dovrebbe essere migliore del previsto. “Il Pil nel 2015 – ha afferrato Padoan – si attesterà allo 0,7% e il disavanzo al 2,6% del prodotto interno lordo.  Nel 2016 il Pil si attesterà all’1,4 e all’1,5 nel 2017. Il deficit/Pil 2016, invece, scenderà all’1,8. Se come noi pensiamo, si consolida la fiducia dei cittadini e delle imprese dopo che si è consolidata la fiducia nei mercati e fiducia nelle istituzioni, allora le aspettative che abbiamo adesso potrebbero essere sbagliate per difetto potremmo avere numeri più positivi”

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email