DL Ristori: Fiarc Confesercenti, estendere sostegni ad agenti di commercio

“Abbiamo scritto al Ministero dell’Economia e all’Agenzia delle Entrate per chiedere una correzione immediata”

“I sostegni previsti dal Dl Ristori vanno estesi anche agli agenti di commercio, a partire da quelli che lavorano nelle filiere del turismo, degli eventi e della ristorazione, la cui attività viene di fatto azzerata dalle nuove restrizioni”.

Così Fiarc, l’Associazione Confesercenti che unisce agenti e rappresentanti di commercio, commenta il Dl Ristori. 

“Abbiamo scritto al Ministero dell’Economia e all’Agenzia delle Entrate per chiedere una correzione immediata”, continua l’associazione. “Gli operatori intermediari (appartenenti alla categoria degli agenti e rappresentanti di commercio e del commercio all’ingrosso) del settore Ho.Re.Ca. (Hotel, Restaurant, Catering), le cui attività sono limitate in modo rilevante dalla sospensione dei servizi della ristorazione cui essi si relazionano contrattualmente (ristoranti, bar, locali serali, catering), non sono una specifica figura professionale inquadrabile sotto determinati codici Ateco. Per questo rischiano di perdere il giusto diritto al contributo a fondo perduto. I codici indicati nell’allegato al Decreto dovrebbero ricomprendere i settori generali cui appartengono le categorie dei grossisti e degli agenti e rappresentanti di commercio, consentendo agli interessati di poter autocertificare, sotto la propria responsabilità (assoggettabile a successivi controlli), di non poter svolgere, a causa delle limitazioni previste dal DPCM del 26 ottobre, la propria attività, corrispondente per la parte prevalente alla conclusione di contratti di fornitura nei confronti del settore hotel, ristorazione e catering”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email