Editoria, Federpubblicità: contributo di solidarietà non diventi una tassa occulta

soldi“Il contributo di solidarietà richiesto alle concessionarie per il finanziamento del Fondo Pubblico per l’Editoria è un ulteriore onere sul settore. Soprattutto, il timore è che si trasformi in una sorta di tassa occulta sulle imprese della pubblicità, da alzare a piacimento per ragioni di cassa”.
Così Nevio Ronconi, Presidente di Federpubblicità Confesercenti, commenta l’emendamento approvato dalla Commissione cultura, che prevede di destinare al Fondo pubblico per l’Editoria lo 0,1% del reddito di concessionarie, mezzi di comunicazione radio-tv e digitali e di chi effettua attività di intermediazione acquistando spazi sui mezzi per conto terzi, come i centri media e le agenzie di pubblicità. Il Fondo sarà ripartito al 50% tra Presidenza del Consiglio (stampa) e MiSE (emittenza radio-tv).
“È un intervento che non comprendiamo fino in fondo: l’editoria è in crisi, ma anche il settore della pubblicità sta vivendo un momento difficile. Ci sono imprese che navigano in cattive acque, per le quali il contributo è un aggravio non necessario, che si poteva tranquillamente evitare. Oltretutto molti dei soggetti interessati, che operano solo sul versante digitale, si troveranno a versare un contributo per finanziare rami dell’editoria a loro del tutto estranei. Capiamo le difficoltà e anche la necessità di intervenire a favore del sistema editoriale italiano: ma le risorse andrebbero prese dalla spending review, non alzando il prelievo sulle imprese”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email