Faib: Governo accolga richiesta di Rete Imprese Italia

Proroga al 1° gennaio 2020 per la trasmissione elettronica dei corrispettivi

Cresce il malessere tra i gestori carburanti per l’imminente entrata in vigore del nuovo obbligo della trasmissione elettronica dei corrispettivi.

“Non è possibile che la nostra categoria- dice Martino Landi Presidente Faib- faccia sempre da cavia anticipando di 6 mesi ( ancora una volta…) l’obbligo della trasmissione telematica dei corrispettivi. Tanto più che rimane tuttora dubitativa la formulazione di fatturato o giro d’affari riferito alla nostra categoria che come si sa ha un’attività fortemente condizionata dalla fiscalità che grava sul giro complessivo delle nostre attività per oltre il 65% tra accise ed iva. E’ evidente che non si può paragonare l’esercizio di vendita dei carburanti a quelli degli altri esercizi commerciali. E poi non si capisce francamente l’esclusione di alcune attività comunque legate alla commercializzazione di prodotti di monopolio o sottoposte ad aggio.

Le attività non oil presenti sulle nostre strutture non superano nel 99% dei casi i 400 mila euro. Ma per un meccanismo perverso rischiamo di essere trascinati nel giro infernale dell’anticipazione dell’obbligo a trasmettere in anticipo telematicamente i corrispettivi, anche nei casi di poche migliaia di euro all’anno, per il combinato disposto dell’incidenza della vendita carburante, che come abbiamo visto risponde a criteri assurdi nel determinare il nostro fatturato.

Siamo alla follia totale di un sistema fiscale che colpisce alla cieca. Di fronte a queste distorsioni chiediamo che il Governo accolga le richieste di Rete Imprese Italia e faccia slittare al 1° gennaio 2020 l’obbligo per tutti, evitando inutili e dannose anticipazioni. Sul tema siamo pronti allo sciopero per sottolineare l’iniquità di una previsione normativa che penalizza solo i gestori. Vogliamo la trasparenza amministrativa, siamo contro l’illegalità e l’evasione, a tutti i livelli, siamo un’attività già completamente controllata dallo Stato: ma non possiamo essere sempre quelli su cui si scaricano i costi e le contraddizioni del sistema: per questo siamo pronti allo sciopero generale.”

 

Leggi il documento Rete Imprese Italia

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email