fbpx

Fisco: città divise su rottamazione cartelle, la metà dice ‘no’

I 28 capoluoghi ‘contrari’ sono soprattutto al Nord (15), 8 al Sud e nelle Isole, 5 al Centro

Fisco: città divise su rottamazione cartelle, la metà dice 'no'I Comuni si dividono sull’opportunità di ‘rottamare’ le cartelle per non far pagare ai cittadini sanzioni e interessi di mora. Per quelli che si avvalgono di Equitalia la rottamazione è di default, per gli altri, che avevano già individuato metodi diversi per la riscossione coattiva dando l’addio ad Equitalia, era prevista la possibilità di aderire attraverso l’approvazione, entro l’1 febbraio scorso, di una delibera del consiglio comunale.

Da una prima rilevazione condotta dagli  uffici Anci-Ifel, i Comuni capoluoghi di provincia si spaccano a metà con una leggerissima prevalenza di quelli che hanno deciso di non aderire alla definizione agevolata. Alla rilevazione hanno risposto al momento 89 Comuni capoluogo di  provincia. Di questi 35 non sono toccati dall’operazione perché, aderendo ad Equitalia, la rottamazione delle cartelle è per loro già prevista dalla manovra.

Riguardo ai restanti 54 capoluoghi al centro dell’indagine 28 non hanno aderito alla definizione agevolata, 26  invece hanno detto ‘sì’ alla rottamazione. I 28 capoluoghi ‘contrari’ sono soprattutto al Nord (15), 8 al Sud e nelle Isole, 5 al Centro. I  26 Comuni che hanno aderito sono: 13 al Nord, 8 al Sud e nelle Isole, 5 al Centro.

Fisco: città divise su rottamazione cartelle, la metà dice 'no'C’è chi lo ha fatto per scelta, ritenendo “non fosse giusto dare questa opportunità rispetto ai cittadini che invece hanno pagato” ma anche chi, essendo uscito da poco da Equitalia, “non ha maturato un insoluto importante” e dunque non ha molte ingiunzioni su cui incidere.

Anci ha chiesto il rinvio della scadenza per decidere o meno se aderire.

Leggi le Altre notizie

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email