Fisco: regime forfettario, nuovi limiti da quest’anno

Negata la possibilità di aderire al regime agevolativo ai contribuenti che, nel periodo d’imposta precedente, abbiano percepito redditi da lavoro dipendente o assimilati di importo lordo superiore a 30.000 €

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione 7/E/2020,  ha chiarito che le novità introdotte dall’ultima legge di bilancio nella disciplina del regime forfetario (articolo 1, commi da 54 a 89, della legge n. 190/2014), in tema di requisiti di accesso (non aver sostenuto più di 20mila euro di spese per lavoro accessorio, lavoratori dipendenti e collaboratori) e di cause di esclusione (aver percepito più di 30mila euro di redditi da lavoro dipendente e assimilati) operano a partire dal periodo di imposta 2020.

In particolare, con riferimento ai requisiti di accesso, la nuova disposizione stabilisce che possono aderire al regime forfettario i contribuenti che nell’anno precedente hanno contemporaneamente:

  • conseguito ricavi o percepito compensi nell’anno non superiori a 65.000 €;
  • sostenuto spese per il personale e lavoro accessorio nell’anno non superiori a 20.000 €.

Con riferimento alla nuova causa di esclusione, viene negata la possibilità di aderire al regime agevolativo ai contribuenti che, nel periodo d’imposta precedente, abbiano percepito redditi da lavoro dipendente o assimilati di importo lordo superiore a 30.000 € (quindi i contribuenti che, nel 2019, hanno superato il limite non possono accedere al regime forfetario nel 2020).

Clicca qui per leggere la risoluzione

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email