Fitch abbassa stima Pil Italia 2020 a -10%

Ma alza previsione per 2021 a +5,4%

Fitch ha abbassato la propria previsione di crescita del Pil italiano nel 2020 a -10%, dalla precedente stima di -9,5%. Ma ha alzato la previsione per il 2021 al 5,4%, dalla precedente stima del 4,4%.

Lo si legge nel rapporto Global Economic Outlook di settembre, in cui si spiega che questo “riflette il punto più basso di partenza per le attività e l’annuncio di uno stimolo fiscale aggiuntivo a livello nazionale”.

Per quanto riguarda i consumi, Fitch prevede una riduzione del 9,8% a fine anno (e un rimbalzo del 5,6% nel 2021 e del +2% nel 2022). La stima dell’inflazione è del -0,5% quest’anno, e del +0,8% nel 2021 e 2022. Il tasso di disoccupazione, infine, secondo Fitch, dovrebbe attestarsi all’11,4% quest’anno, per poi salire all’11,7% nel 2021 e
riscendere al 10% nel 2022.

Fitch osserva come “con l’allentamento delle misure di lockdown in maggio, l’attività economica ha fatto una veloce ripresa e questo potrebbe portare ad un intenso rimbalzo nel terzo trimestre 2020”. “Tuttavia – aggiunge – i recenti indicatori ad alta frequenza suggeriscono che c’è stata una perdita del momento di crescita nelle recenti settimane”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email