Fmi: “taglia Pil Italia a +1% nel 2016, +1,1% nel 2017”

Crescita più lenta delle attese, stime inferiori a Def

FMI

L’Fmi taglia le stime di crescita per l’Italia. Secondo l’Istituto “il pil del Belpaese crescerà quest’anno dell’1,0% (-0,3 punti percentuali rispetto alle previsioni di gennaio) e nel 2017 dell’1,1% (-0,1 punti)”. “La crescita è stata più lenta del previsto in Italia – afferma il Fondo, parlando di crescita modesta per Germania, Francia e Italia”. Le stime del Fmi sono più basse di quelle contenute nel Def, nelle quali si stima una crescita dell’1,2% nel 2016 e dell’1,4% nel 2017.

“Mentre il debito italiano è destinato a salire nel 2016 al 133,0% del Pil, dal 132,6% del 2015 – secondo quanto emerge dalle tabelle del World Economic Outlook del Fmi. Il debito calerà al 131,7% nel 2017, per attestarsi al 121,6% nel 2021”. Il debito nel Def è stimato in calo al 132,4% nel 2016 per poi scendere ancora al 130,9% nel 2017.

“I governi devono preparare piani anti-shock perchè la ripresa rischia di deragliare”. Questo il monito del Fondo monetario internazionale nel World Economic Outlook, dove sono state nuovamente tagliate le stime sul Pil globale. I governi “non devono ignorare la necessità di prepararsi per possibili scenari avversi – avverte il capo economista dell’Fmi, Maurice Obstfeld – identificando pacchetti di politiche strutturali e fiscali, in grado di sostenersi reciprocamente, da dispiegare nel caso si materializzassero in futuro rischi al ribasso”.

 

 

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email