Governo, fiducia anche alla Camera: 378 sì. Renzi: entro un mese le coperture per il taglio del cuneo fiscale

 Risorse da spending review e rimpatrio capitali. Possibile aumento dell’imposizione sulle rendite

L’esecutivo Renzi incassa la fiducia anche dalla Camera, con 378 voti a favore e 220 contrari. “Nessun alibi, abbiamo solo questa chance”, ha sottolineato il premier del discorso con cui ha chiesto la fiducia a Montecitorio. Intervenendo a Ballarò, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha rassicurato sul taglio del cuneo fiscale, che contemplerà una riduzione dell’Irpef, per dare più soldi ai lavoratori, e anche dell’Irap, per alleggerire il costo del lavoro delle imprese. Ma, ha avvertito renzi, si sta ‘ragionando’ anche sull’alleggerimento degli oneri sociali. Oggi il premier sara’ in visita a Treviso; Alfano, invece, a Berlino dalla Merkel.

Renzi ha anche rassicurato sulle coperture: “arriveranno entro un mese”, dice. Ci saranno i tagli alle spese della revisione affidati a Cottarelli “e risorse che arriveranno dagli accordi internazionali, come quelli con la Svizzera” sul rimpatrio di capitali. A questo si aggiunge un possibile aumento del prelievo sulle rendite finanziarie: “Se c’è spazio per aumentare – sostiene Renzi -verificheremo un aumento delle tasse sulle rendite, non direi sui bot ma sulle rendite pure, per tagliare il costo del lavoro”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email