Il 6 dicembre confermato lo sciopero degli impianti a marchio Esso di Toscana, Marche, Abruzzo, Trentino Alto Adige e Lazio. Presidio sotto il Ministero dello Sviluppo Economico

Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc Confcommercio hanno confermano sia lo sciopero che coinvolge, dalle ore 19,30 del 5 dicembre alle ore 7,00 del giorno 7 dicembre, i punti vendita di Petrolifera Adriatica, Retitalia e Amegas a marchio Esso posti in Toscana, Marche e Abruzzo, Trentino Alto Adige e Lazio che il presidio sotto al Ministero dello Sviluppo Economico.
Il 6 dicembre, dunque, i gestori a marchio Esso protesteranno con la chiusura degli impianti e la mobilitazione sotto al Ministero, perché sia ben visibile da una parte lo scontento e la rabbia dei gestori coinvolti nella vendita a pacchetto della Esso italiana, e dall’altra la responsabilità politica del Ministero dello Sviluppo Economico che si è mosso con estremo ritardo, concorrendo oggettivamente ad aggravare una situazione con l’impoverimento della rete, l’espulsione di centinaia di addetti e la polverizzazione e destrutturazione del sistema petrolifero italiano.
Attesi a Roma centinaia di gestori in arrivo dalle Regioni coinvolte.

Leggi le altre notizie “Dalle Categorie”

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email