Istat: a luglio occupati +1,2 su anno, ma -0,3 su mese

Ad agosto è ancora deflazione prezzi -0,1% su anno.

Istat: a luglio occupati +1,2 su anno, ma -0,3 su mese“Su base annua si conferma la tendenza all’aumento del numero di occupati (+1,2%, pari a +266 mila)”.

Lo rileva l’Istat nei dati provvisori di luglio. La crescita tendenziale è attribuibile ai dipendenti (+1,7%, pari a +285 mila) e si manifesta per uomini e donne, concentrandosi soprattutto tra gli over 50 (+402 mila). Nello stesso periodo calano sia i disoccupati (-1,5%, pari a -44 mila) sia gli inattivi (-2,9%, pari a -407 mila)”.

“A luglio la stima degli occupati cala dello 0,3% – spiega l’Istituto – rispetto al mese di giugno (-63 mila), interrompendo la tendenza positiva registrata nei quattro mesi precedenti (+0,4% a marzo, +0,5% ad aprile, +0,2% a maggio e giugno). Il calo è attribuibile sia agli uomini sia in misura maggiore alle donne e riguarda gli indipendenti (-68 mila), mentre restano sostanzialmente invariati i dipendenti. Gli occupati calano nelle classi di età fino a 49 anni mentre aumentano tra gli over 50. Il tasso di occupazione, pari al 57,3%, diminuisce di 0,1 punti percentuali sul mese precedente. I movimenti mensili dell’occupazione determinano complessivamente nel periodo maggio-luglio 2016 un consistente aumento degli occupati (+0,7%, pari a 157 mila unità) rispetto al trimestre precedente, con segnali di crescita diffusi sia per genere sia per posizione professionale e carattere dell’occupazione”.

“La stima mensile dei disoccupati a luglio – conclude l’Istat – cala dell’1,3% (-39 mila), dopo l’aumento registrato a giugno (+1,3%). Il calo interessa sia gli uomini (-1,4%) sia le donne (-1,2%) e tutte le classi di età eccetto i 15-24enni (+23 mila) e i 25-34enni (+38 mila). Il tasso di disoccupazione scende complessivamente all’11,4%, in calo di 0,1 punti percentuali su giugno. La stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni a luglio aumenta dello 0,4% (+53 mila), dopo il calo registrato nei quattro mesi precedenti. L’aumento riguarda le donne a fronte di una sostanziale stabilità degli uomini. Il tasso di inattività risulta pari al 35,2% (+0,2 punti percentuali). Nell’arco del trimestre maggio-luglio l’aumento degli occupati (+0,7%, pari a +157 mila) si associa ad un calo degli inattivi (-1,3%, pari a -185 mila), mentre i disoccupati risultano in lieve aumento (+0,1%, +4 mila)”.

Sempre secondo l’analisi preliminare dell’Istituto:  “prosegue anche ad agosto la fase di deflazione sostanzialmente legata all’andamento dei prezzi energetici. L’indice dei prezzi al consumo registra una diminuzione tendenziale dello 0,1% ed un aumento dello 0,2% su base mensile confermando entrambe le dinamiche di luglio. La prosecuzione della fase deflazionistica è la sintesi di dinamiche di prezzo di segno opposto che si compensano. Se da una parte, infatti, si attenua il calo tendenziale dei prezzi degli Energetici non regolamentati (-7,0%, da -8,0% di luglio) e accelera la crescita di quelli degli Alimentari non lavorati (+2,4%, era +1,5% il mese precedente), dall’altra i prezzi dei Servizi relativi alle comunicazioni registrano un’inversione di tendenza (-1,4%, era +0,4% di luglio) e si azzera la crescita di quelli dei Servizi relativi ai trasporti (era +0,7% il mese precedente)”.

“Dietro la diminuzione dei prezzi al consumo su base annua, prosegue l’Istat, c’è essenzialmente i calo dei prezzi dei Beni energetici (-6,5% rispetto ad agosto 2015 dopo il -7,0% di luglio). Al netto di questi beni l’inflazione è positiva e stabilmente pari a +0,6% mentre al netto degli Alimentari non lavorati e dei Beni energetici l’inflazione di fondo scende a +0,4% (da +0,6% di luglio)L’inflazione acquisita per il 2016 risulta pari a zero (era -0,1% a luglio). I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto non variano in termini congiunturali e registrano, in termini tendenziali, un aumento pari a +0,1% (era -0,1% a luglio)”.

“Secondo le stime preliminari – conclude l’Istituto – l’indice dei prezzi al consumo armonizzato (IPCA) è stabile sia su base mensile sia su base annua, azzerando così la flessione registrata a luglio (-0,2%)”.

Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su email